Tigray
Il vescovo di Adigrat Abune Tesfasellassie Medhin. Sullo sfondo, campo per sfollati etiopi a Gondar (Getty Images).
Tigray
Dal Mondo

Il vescovo etiope: «Milioni di morti in Tigray se non passeranno gli aiuti umanitari»

Mentre Joe Biden autorizza sanzioni all'Etiopia per i crimini nel Tigray, pubblichiamo una lettera aperta del prelato di Adigrat Abune Tesfasellassie Medhin. Che denuncia: «Tutte le strade per entrare nella regione sono bloccate dal giugno 2021».

di Abune Tesfasellassie Medhin


La lettera aperta del vescovo di Adigrat.

Oggetto: L'appello urgente del vescovo per consentire l'accesso alle risorse umanitarie, la mobilitazione delle risorse per l'aiuto umanitario e per un intervento pacifico per porre fine alla guerra.

Un saluto di pace in Cristo! Nonostante le restrizioni di movimento e il permesso limitato per accedere e mobilitare le risorse umanitarie, la Chiesa cattolica in Tigray (Segretariato Cattolico Diocesano di Adigrat e le Congregazioni Cattoliche che operano sotto l'Eparchia cattolica di Adigrat) si è impegnata a far fronte ai bisogni di emergenza della popolazione colpita dalla guerra nel Tigray, con la collaborazione caritatevole dei nostri partner/donatori internazionali.

Eppure il sostegno umanitario si è limitato alle città e alle aree più vicine alle strade principali. Tuttavia, come altre organizzazioni umanitarie, non abbiamo potuto continuare a rispondere all'emergenza con le attività strettamente necessarie, come pianificato, perché tutti i servizi di base e le strade dal porto e da Addis Abeba per entrare in Tigray sono rimaste bloccate per la maggior parte del tempo a partire dal giugno 2021.

Da allora, non siamo stati in grado di prelevare denaro dalle banche dai nostri fondi di emergenza, già affidati alla nostra gestione da parte dei nostri partner/donatori. Non siamo neanche in grado di ricevere dai nostri donatori i fondi versati come risposta all'emergenza. Quindi non siamo stati neppure in grado di procedere con i nostri programmi di risposta all'emergenza in corso per raggiungere le persone colpite dalla guerra e ridurre la sofferenza.

In altre parole, le transazioni del denaro trasferito dalle nostre organizzazioni partner/donatori alle banche locali del Tigray, destinato a far fronte ai bisogni umanitari, sono state sospese dalle autorità federali.

Noi abbiamo la percezione che tale sospensione sia stata fatta senza la dovuta considerazione dell'immensa necessità di aiuto umanitario nella regione. Di conseguenza, poiché l'accesso ai servizi essenziali, come elettricità, banche, telecomunicazioni, trasporti e strutture sanitarie è stato negato, la popolazione del Tigray (specialmente gli sfollati, i rimpatriati e coloro che sono più colpiti dall'impatto della guerra) hanno finito i generi alimentari, le medicine di base salvavita, l'acqua potabile, i ricoveri.

Quindi è una realtà quotidiana vedere sofferenze, fame e mancanza di medicine per malattie prevenibili. Inoltre, l'attuale situazione sul terreno mostra che qualsiasi ritardo nella risposta all'emergenza umanitaria avrebbe come conclusione una carestia catastrofica e nella morte di milioni di persone nel Tigray.

In questa situazione, sento come mio dovere pastorale e obbligo umanitario di chiedere a tutte le autorità competenti di:

  1. permettere ai servizi, e anche ai partner e alle organizzazioni, di fare pressione per ottenere il permesso dagli organi responsabili di accedere e mobilitare le risorse umanitarie, così come di potersi esprimere a nome delle persone colpite dalla guerra nel Tigray
  2. far finire questa guerra incredibilmente devastante, che sta divorando decine di migliaia di vite di civili e soldati innocenti, attraverso il dialogo e il negoziato.

Vi siamo profondamente grati per la vostra comprensione di questa situazione terribilmente dolorosa, che è diventata una minaccia esistenziale per la popolazione del Tigray e per coloro che soffrono altrove. Vi preghiamo di ricordarci nelle vostre preghiere. Dio benedica voi e i vostri preziosi servizi. Fraternamente in Cristo,

Abune Tesfasellassie Medhin

Vescovo della Eparchia cattolica di Adigrat

Ti potrebbe piacere anche

I più letti