Ansa
Calcio

Errori e prodezze: la Serie A fa il record di gol

Dopo la ripresa del campionato difese in difficoltà. Nella 28° giornata realizzate 40 reti, ma molte nascono da svarioni incredibili...

Una rete ogni 22 minuti come non era successo mai in questo campionato. La 28° giornata della Serie A ha fatto registrare il primato di gol segnati: 40 nella 10 partite con nessun pareggio per zero a zero, risultato che non si è mai visto dal ritorno in campo dopo la pandemia se si esclude l'antipasto della Coppa Italia che aveva fatto temere un calcio avaro di emozioni. Non è stato così, almeno finora, anche se parte dei numeri che la Serie A sta producendo nascono da errori e svarioni delle difese.

La condizione è quella che è, inutile nasconderlo. Tante squadre faticano a fare la fase difensiva e a questi si aggiungono i momenti di distrazione dei singoli che spianano la strada ad attaccanti a loro volta non infallibili. E' il calcio post-locdown e bisogna prenderlo per quello che può offrire.

Dal momento in cui il campionato è tornato sono state disputate 24 partite. Le reti realizzate sono già 85 con una media di 3,54 a gara nettamente superiore all'andamento precedente alla pandemia e allo stop quando i gol erano stati 746 con una media di 2,91. Il cambio passo è evidente: 13 realizzazioni nei recuperi della 25° (media 3,25), 32 nella prima giornata intera disputata settimana scorsa (3,20) e poi il boom dei 40 gol in un turno in cui solo Roma e Lecce, rispettivamente contro Milan e Juventus, sono rimaste a digiuno.

In vetrina c'è sempre la scintillante Atalanta di Gasperini: 80 reti già realizzate, record storico quando mancano ancora 10 giornate e quota 100, nel senso di gol in campionato, appare raggiungibile. Da quando hanno rimesso piede in campo i nerazzurri bergamaschi hanno già trovato la via della porta avversaria 10 volte punendo Sassuolo (4-1), Lazio (3-2) e Udinese (3-2).

Ti potrebbe piacere anche

I più letti