Come combattere l'acne
iStock
Come combattere l'acne
Lifestyle

Come combattere l'acne

«L’acne è una patologia che colpisce il 10% della popolazione mondiale. Interessa principalmente la popolazione giovanile, con una maggiore incidenza nelle ragazze, specie in età compresa fra i 13 e i 15 anni. I soggetti maschi risultano invece più colpiti fra i 15 e i 17 anni. Anche in età adulta, verso i 40 anni, questo problema si presenta sempre più con maggiore frequenza colpendo in prevalenza le donne. L’acne dell’età adulta, compare solitamente nel paziente che ha sempre avuto, periodicamente e in modo più o meno grave, delle fasi di acne. In questi soggetti le ghiandole sebacee sono ipertrofizzate ed è più difficile andare a “disattivarle”». Il dottor Domenico Carella è il primo in Italia a utilizzare il sistema Accure, una nuova tecnologia laser mai usata prima, basata su una lunghezza d’onda selettiva per le ghiandole sebacee (1726 nm), e un sistema di scansione con camera termica ad infrarossi integrata per il trattamento esclusivo dell’acne attiva, in grado di portarla a una diminuzione permanente, salvaguardando la pelle. Riguardo al laser, Paolo Salvadeo, direttore generale di El.En. Spa dice: «Questa assoluta novità, unica al mondo, nasce dall’idea e dalla collaborazione con il Professor Richard Rox Anderson, pioniere della fotomedicina, docente ad Harvard e Direttore del Laboratorio di Foto-Medicina del Massachusetts General Hospital di Boston, che ha dimostrato estrema convinzione nel prodotto e nell'applicazione terapeutica. Grazie al lavoro di un team di ingegneri e tecnici del Gruppo El.En., che hanno dedicato anni di ricerca e sviluppo di Accure, il sogno del Prof. Anderson è ora diventato realtà. Con questa tecnologia laser si interviene con successo in modo mirato, selettivo e permanente su una patologia molto diffusa senza utilizzare farmaci, soprattutto quelli sistemici e sulle cause da cui ha origine l’acne, superando i limiti delle terapie tradizionali».

Come funziona questo nuovo laser?

«La nuova tecnologia del laser Accure è in grado di ridurre l’acne fino al 90% in modo duraturo. Viene utilizzata la lunghezza d’onda di 1726 nm, selettiva per le ghiandole sebacee e la loro inibizione. Il sistema di scansione con camera termica ad infrarossi veicola il laser in modo preciso e selettivo. Il sistema di raffreddamento integrato nel dispositivo Accure dialoga con il software, raffredda l’epidermide e permette di salvaguardare la pelle. Questa sinergia di tecnologie permette di essere efficaci più in profondità, dove si trovano le ghiandole sebacee ed eseguire una procedura sicura. Si tratta di un complesso sistema di gestione delle temperature ed interazioni del laser con il target, all’interno di una finestra terapeutica molto stretta. L’azione del laser va praticamente a “disattivare”, con il calore ed in modo mirato, l’attività della ghiandola sebacea, da cui ha origine la produzione eccessiva di sebo e di conseguenza l’acne. Accure permette di intervenire su volto, schiena e altre zone in cui l’acne si manifesta».

Entro quanto tempo si possono vedere i primi effetti? Quanto dura il trattamento?

«Le sedute durano 30-45 minuti per l’intero viso e 10-20 minuti per le piccole aree. Si eseguono solitamente da 1 a 4 trattamenti distanziati di 3-6 settimane l’uno dall’altro. Alcune settimane dopo il primo trattamento è già possibile vedere i primi risultati, con una riduzione fino al 40% dell’acne, per poi raggiungere risultati fino al 90%, visibili alcune settimane dopo la fine dell’intero ciclo terapeutico».

Questa terapia è funzionale anche contro l’acne da mascherina?

«Accure è efficace contro tutti i tipi di acne moderata, tra cui l’acne che può aumentare in seguito all’utilizzo della mascherina».

Ci sono misure preventive contro la comparsa di acne?

«L’acne è una malattia infiammatoria della pelle, più in particolare un’infiammazione dell’unità follicolo-sebacea. Non esistono misure preventive per la maggior parte delle forme di acne».

Come cambia la beauty routine quando si soffre di maskné

iStock

La pandemia ha modificato la nostra routine quotidiana, ma anche la nostra routine di bellezza. Un particolare termine sembra ripetersi continuamente: maskné. È un risultato naturale dell'uso prolungato delle mascherine che favoriscono una crescita eccessiva di cutibacterium. Il nostro respiro, bloccato da uno strato di tessuto, genera infatti un ambiente umido e caldo che favorisce l'aumento della popolazione batterica e risulta in nuovi estetismi. A questa situazione si aggiungono l'uso di cosmetici inadeguati, l'accumulo di sporco nelle mascherine e lo sfregamento causato da queste ultime.

Oltre a cambiare spesso la mascherina e tenere la pelle pulita - cambiando la federa del cuscino, usando fazzoletti di carta invece degli asciugamani e non toccandosi il viso - è anche necessario modificare leggermente la propria routine di skincare.

Partiamo dallo step più importante, la pulizia, che deve essere efficace ma mai aggressiva. La soluzione migliore per il giorno è un detergente a base d'acqua, a pH equilibrato, che agisca delicatamente sulla pelle. Per la sera invece la routine coreana consiglia la «doppia pulizia». Dopo aver utilizzato un prodotto a base d'olio si riapplica il detergente a base d'acqua usato la mattina.

La routine continua con un esfoliante chimico. Questo punto è molto importante. Utilizzare un esfoliante meccanico può stressare troppo la pelle e peggiorare l'infiammazione già attiva. L'acido salicilico o BHA è un ingrediente che aiuta a pulire i pori ed è altamente raccomandato in questi casi. Lo si può trovare nei prodotti con risciacquo oppure no. Gli acidi possono essere usati sia di mattina che si sera, l'importante è proteggere la pelle dal sole con una buona crema prima di uscire di casa.

L'utilizzo di un siero dalla texture leggera aiuta invece a contrastare gli effetti di attrito della mascherina e coccola la pelle quando più ne ha bisogno. Dopo aver applicato questi tre prodotti e un buon strato di crema solare, è importante non appesantire troppo la pelle col trucco. Le BB Cream coreane non sono solo un trucco molto naturale, ma contengono anche ingredienti interessanti e di solito incorporano la protezione solare.

I prodotti consigliati da Miin Cosmetics

My Beauty Routine: la carota è il miglior alleato per la pelle

My Beauty Routine, il portale dedicato alla bellezza, incorona la carota il migliore alleato per l’estate. Questa verdura è infatti ricca di carotene e soprattutto di betacarotene, noto antiossidante precursore della vitamina A (retinolo), che gioca un ruolo importante nel mantenere in salute i tessuti cutanei e nel rafforzare i meccanismi di difesa della pelle. Ecco i prodotti a base di carota di cui non potrete fare a meno.

Benton Let’s Carrot Multi Oil

Un olio multifunzionale per illuminare la pelle dalla testa ai piedi. Tra i suoi ingredienti principali troviamo la carota, sia sotto forma di estratto vegetale sia di olio di semi di carota e betacarotene. A questo magico ingrediente si aggiungo poi l'olio di oliva ha azione protettiva sul film idrolipidico è idratante, emolliente; l'olio di vinaccioli ricco di resveratrolo (azione antiossidante e antinfiammatoria) è un buon promotore nella sintesi del collagene, ha quindi una funzione pro-age, preservando la pelle dalla formazione delle rughe; l'olio di Enotera ricco di acidi grassi essenziali tra cui spicca l'acido linoleico, è un ottimo lenitivo ed emolliente ideale in caso di pelle irritata o screpolatae anch'esso migliora l'elasticità e l'idratazione della pelle, ripristinando il film idrolipidico, con azione pro-age. Infine c'è l'olio di avocado che è un olio eudermico per eccellenza.

Benton Let’s Carrot Moisture Cream

Una crema viso idratante e nutriente che illumina rivitalizza anche le pelle più spente e opache. Anche qui la carota è presente sia sotto forma di estratto vegetale che di acqua che di olio di semi di carota e di betacarotene. A essa si aggiungono il Pantenolo che lenisce, rigenera e migliora la funzione di barriera della pelle migliorandone anche l'elasticità, e ingredienti idratanti e nutrienti come il burro di Karitè el'olio di Semi di Girasole, prevengono la perdita di idratazione della pelle rafforzando la barriera cutanea, grazie anche alle Ceramidi. Infine c'è il Tocoferolo (ovvero la vitamina E) utile per riportare la giusta idratazione e nutrire a fondo la pelle con un'azione antiossidante immediata.

Benton Let’s Carrot Oil Toner

Un tonico viso bifasico sotto forma di mist, ovvero una nebbiolina leggera da spruzzare sul viso, può essere usato come tonico o da spruzzare durante il giorno quando la pelle ne ha bisogno. Mantiene la pelle morbida, elastica e giovane, ed è ideale per idratare le pelli secche e illuminare e rivitalizzare anche le pelli più spente e opache. Racchiude al suo interno tutto il meglio della crema e dell’olio Benton, dalla carota al Tocoferolo, passando per l’olio di vinaccioli e quello di avocado.

Neogen Carrot Deep Clear Remover Oil Pad

Un detergente oleoso in dischetti di morbida garza di cotone; rimuovono trucco, impurità e cellule morte grazie alla trama goffrata imbevuta di un mix di oli e detergenti tra cui l'olio di semi di carota ricco di betacarotene, olio di olivello spinoso e l'olio di moringa, dalle proprietà purificanti, rivitalizzanti e lenitivi. Un vero toccasana per pelli con eccesso di sebo e impurità. Nella formulazione troviamo anche l'estratto di Neem, un ottimo antibatterico naturale che contrasta le impurità e gli arrossamenti.

It’s Skin The Fresh Mask Sheet

Una maschera in tessuto con estratto di carota che illumina l'incarnato e dona vitalità, da usare quando si ha la pelle stanca per una sferzata di energia. Un momento di vero piacere da concedersi in totale relax.

Farmskin Superfood Carrot Sheet Mask

Una mascherina in tessuto illuminante, levigante e purificante con estratto di carote, ricche di vitamine, aiuta ad illuminare l'incarnato e a mantenere la pelle levigata, ad affinarne la grana e a mantenere i pori puliti. Le maschere Farmskin sono altamente performanti grazie alla loro tecnologia HI-TENCEL e sono di origine vegetale, infatti la cellulosa con cui sono state realizzate è estratta dall'Eucalipto ed è quindi biodegradabile al 100%. Hanno una leggera fragranza gradevole all'olfatto, che aiuta il rilassamento durante il loro utilizzo.

Dormire su una federa di seta aiuta a prevenire l'acne

Chi l'avrebbe mai detto che per essere più belle basta dormire. Capelli setosi, una pelle più luminosa e niente brufoli, tutto inizia dalla scelta della federa. Così nasce Golevy, azienda tutta italiana e tutta al femminile, nata dal «desiderio di essere la versione migliore di noi stesse».

«Siamo partite dalla migliore delle abitudini, dormire, per realizzare una linea beauty tanto semplice quanto inaspettata. Due federe - una dedicata a tutti i tipi di pelle e capelli, l'altra pensata per chi ha bisogno di un periodo di skin detox - con caratteristiche diverse ma lo stesso obiettivo: massimizzare l'efficacia della vostra skincare e della vostra beauty routine» raccontano le due fondatrici. I loro prodotti si chiamano Tusa, Vittoria e Lea e sono tre federe, o come le definiscono le due due donne «le tue creme formato federa».

Tusa è prodotta in seta Mulberry 100% e lavora in sinergia con la skin & haircare routine personale, esaltando la bellezza di ognuno. La seta mantiene infatti inalterata la naturale idratazione di pelle e capelli aiutando a combattere i segni dell'età e l'effetto crespo. Anche Vittoria è prodotta in seta Mulberry 100% ma presenta tre piccoli ricami con frasi che mettono il buon umore: «Baby, you are perfect» (Cara, sei perfetta), «Radiate positivity» (Trasmetti positività) e «Ciao bellezza».

Infine, c'è Lea, la federa sfogliabile in raso di cotone 100% per pelli impure a tendenza acneica. Grazie ai suoi strati intercambiabili (3+lab base), Lea consente di poggiare il viso su una federa ogni notte pulita, regola base da seguire per avere una pelle più sana, come sostengono anche i dermatologi. «In questo periodo poi, in cui la pulizia è al primo posto, può essere qualcosa di comodo da portare sempre con sé» sottolinea una delle fondatrici.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti