Serie TV

Netflix, tre serie da non perdere a maggio

La seconda stagione di The Rain, l’ultima parte delle stand-up comedy tricolore e una sorpresa da sballo

Netflix-The-Rain

Marco Morello

-

THE RAIN 2

È stata la prima serie danese a debuttare su Netflix e resta tra i portabandiera del filone post-apocalittico sulla piattaforma (il culmine lo si è toccato qualche mese più tardi con il film Bird Box, con Susan Sarandon). Qui non sono misteriose creature, bensì la pioggia del titolo che contiene un potente virus a fare strage, a decimare il pianeta. Con Rasmus, il protagonista (foto sopra), che ne è immune e potrebbe essere la via per la cura. Si riprende da dove si era interrotta la stagione precedente: con Simone, la sorella di Rasmus, che guida il gruppo di sopravvissuti; con il fratello braccato in quanto estremamente prezioso. Nella seconda parte si mescolano amore, amicizia, prese di consapevolezza, la solita dose abbondante d’azione e colpi di scena (uno, clamoroso, lo vedrete nell’episodio d’apertura), la necessità di fare squadra per superare le difficoltà. Con quel dubbio molesto sullo sfondo: la consapevolezza sgradevole di non sapere di chi ci si può fidare davvero. Dal 17 maggio.

Netflix-Saverio-Raimondo

– Credits: Netflix

IL SATIRO PARLANTE

Dopo Edoardo Ferrario a marzo e Francesco De Carlo ad aprile, tocca a Saverio Raimondo chiudere il tris degli speciali di stand-up comedy italiani girati dal vivo sul palco della Santeria di Milano. Raimondo, comico romano, ama definirsi un «ansioso contemporaneo» deciso a curarsi con il farmaco dell’umorismo. Nello spettacolo fotografa e sdrammatizza paure assortite: viaggi in aereo, terrorismo globale, rottura delle costole. Timori e tremori di un singolo individuo ma dal respiro universale, a maggior ragione perché lo spettacolo sarà disponibile in tutto il mondo. Di sicuro un motivo d’ansia ulteriore per il già assai nevrotico Raimondo. Dal 17 maggio.

Netflix-Sell-drugs

– Credits: Netflix

HOW TO SELL DRUGS ONLINE (FAST)

Un trionfo di linguaggio visivo eversivo: interruzioni grafiche psichedeliche tra una scena e l’altra, musica che sale all’improvviso di volume, emoji e altri intrusi sullo schermo presi in prestito dal linguaggio dei social. Cosa aspettarsi d’altronde da un titolo che si traduce così: «Come vendere droghe online (velocemente)». Questa folle e divertente serie all’esordio racconta, in sei episodi da mezz’ora circa, il percorso sospeso tra ambizione e follia di due ragazzi che, dalla loro cameretta, riescono ad aprire e gestire uno dei più floridi business di stupefacenti via internet d’Europa. Il tutto ispirato (e molto inspirato) da una storia vera. Dal 31 maggio.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La casa di carta 3, anticipazioni e indiscrezioni sulla prossima stagione

La sede del nuovo colpo, il ritorno di Berlino. Cosa sappiamo dell'attesa terza parte delle avventure della banda del Professore

Quicksand, calma apparente

Panorama ha visto in anteprima i primi due episodi delle serie tv svedese di Netflix. Ecco cosa possiamo dirvi senza spoilerare

Netflix vuole investire 200 milioni di euro in tre anni in Italia

L’annuncio della piattaforma, che nel 2018 ha dato lavoro a 9 mila persone nel Bel Paese e a 50 mila in Europa

Commenti