Calcio

Mondiali di calcio femminili 2015: la guida e le stelle in campo

In Canada è iniziata la settima edizione della coppa del mondo in rosa. Ecco le giocatrici più forti e le squadre favorite

FBL-WC-2015-WOMEN-NED-ITA

Matteo Politanò

-

E' iniziata con la vittoria del Canada, nazione ospitante, sulla Cina la settima edizione della coppa del mondo di calcio femminile. 24 squadre divise in 6 gironi, con le prime due di ogni gruppo e le migliori terze che si qualificheranno agli ottavi di finale. La squadra più forte restano gli Usa, già campioni del mondo per due volte nella loro storia nel 1991 e nel 1999, mentre l'ultima edizione è stata vinta nel 2011 dal Giappone che in finale ha battuto proprio gli Stati Uniti. 

 
Fifa 16: nel nuovo videogame anche le nazionali femminili

I gironi: 

Girone A: Canada, Cina, Nuova Zelanda, Olanda

Girone B: Germania, Costa d'Avorio, Norvegia, Thailandia

Girone C: Giappone, Svizzera, Camerun, Ecuador

Girone D: Usa, Australia, Svezia, Nigeria

Girone E: Brasile, Corea del Sud, Spagna, Costa Rica

Girone F: Francia, Inghilterra, Colombia, Messico

Il calendario completo delle partite, i risultati e la classifica marcatori della Fifa Womens' World Cup si possono consultare qui

Italia assente: la crisi del nostro calcio femminile 

Ai mondiali canadesi mancherà la nostra nazionale, eliminata in extremis nella fase di qualificazione. Dopo essersi piazzata seconda a soli tre punti dalla Spagna l'Italia ha partecipato ai playoff per le migliori seconde ma dopo la vittoria contro l'Ucraina è stata eliminata in finale dall'Olanda. Un risultato difficile da digerire soprattutto alla luce di una crisi che il calcio femminile italiano vive senza troppe prospettive di risalita. Al contrario delle più forti nazioni presenti al mondiale il calcio femminile nel nostro paese resta relegato a livello dilettantistico con stipendi molto bassi e spesso con giocatrici tesserate senza ingaggi che giocano solo per amore dello sport. Come se non bastasse pochi mesi fa il presidente della Lega dilettanti, che organizza il campionato femminile italiano di calcio, Felice Belloli ha definito le calciatrici italiane "quattro lesbiche" venendo poi sfiduciato dalla Lega Calcio. 

© Riproduzione Riservata

Commenti