Scienza

Una notte al museo delle scienze, tra dinosauri e costellazioni del Muse

A Trento, il 9 dicembre, un'esperienza inedita che permette di trascorrere le ore notturne tra scoperte ed emozioni

nanna muse. f

Daniela Mattalia

-

Una notte intera dentro a un museo, tra dinosauri, foreste pluviali, costellazioni cosmiche, animali selvatici. E molto altro, in una commistione continua tra scienza, cultura, arte. È l’occasione speciale offerta il 9 dicembre dal Muse, il Museo delle Scienze di Trento, a chi ha più di 18 anni.

Le iscrizioni chiudono il 3 dicembre, quindi conviene affrettarsi... L’esperienza vale la pena, ed è unica nel suo genere, almeno in Italia (ricalca esperienze analoghe dei grandi musei internazionali come il Science Museum di Londra e il Museum of Natural History americano).

Tema della serata (dalle ore 20), intitolata "Incontri del terzo tipo", è l’importanza della socialità per la formazione delle persone. Cosa ci rende ciò che siamo? Cosa influisce sulla nostra vita? I geni, certo, ma non solo... Anche l’ambiente, le emozioni, gli incontri hanno un’influenza fondamentale.

Il programma prevede un’intera nottata a disposizione dei partecipanti e una serie di incontri con talenti e professionisti del mondo dell’arte, dello sport, della scienza e con vari testimoni che racconteranno l’esperienza o l’incontro che ha cambiato loro la vita.

Tra gli ospiti al museo ci sarà Roberta Lanfranchi, attrice, conduttrice tv e radiofonica; il comico Flavio Oreglio; il campione mondiale di vela Ruggero Tita; il ricercatore del Cnr Francesco Guatieri; il ricercatore e botanico del Muse Costantino Bonomi.

Si prenota al numero 0461.270311 o sul sito www.muse.it. Per dormire, il Muse offrirà dei materassini. Ogni partecipante dovrà portare con sé, oltre a un abbigliamento adeguato e ai propri effetti personali, il sacco a pelo o una coperta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Iraq, il museo virtuale per dimenticare la guerra

Entro il prossimo anno un sito web dedicato al recupero del patrimonio archeologico del paese. Finanziato anche dall'Italia

Al museo Explora di Roma il riciclo della plastica è a misura di bambino

A lezione di successo col "Museo del fallimento"

Ha aperto in Svezia per insegnare che dai grandi flop si può apprendere molto

Commenti