Redazione

-

Le forze armate libiche al comando del generale Khaifa Haftar hanno fatto un nuovo annuncio di imminente liberazione di Bengasi dai jihadisti dell'Isis e Ansar al Sharia. Un portavoce ha detto che il comando generale dell'esercito annuncerà "nei prossimi sei giorni la liberazione" della seconda principale città libica e "per l'occasione saranno organizzati festeggiamenti". Lo riferisce il sito dell'emittente Libya's Channel.

Combattimenti tra le truppe di Haftar e i jihadisti per il controllo di Bengasi sono in corso dal maggio 2014 e una liberazione della città "al massimo entro tre settimane" era stato annunciato già nell'ottobre scorso. 

Negli ultimi quattro giorni di combattimenti tra l'esercito libico fedele a Tobruk e i jihadisti, a Bengasi sono stati uccisi "73 terroristi e 37 detenuti". Lo ha annunciato un portavoce delle forze armate. L'esercito "continua la sua avanzata sull'asse di Suk el Hout e Al Saberi" causando "sei morti nelle fila delle formazioni terroriste", ha annunciato inoltre il responsabile per l'Informazione della Direzione generale delle forze armate, Khalifa el Obeidi. Il portavoce ha precisato che 25 dei 37 detenuti uccisi non sono libici ma "di nazionalià diverse". (ANSA)

In questa gallery, le immagini dei combattenti fedeli al governo di Tobruk e della popolazione locale che festeggiano la riconquista di parte della città costiera orientale della Libia, sottratta agli islamisti del sedicente Stato islamico.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Guerra in Libia: le strategie divergenti di Italia, Francia e Stati Uniti

Roma ha un approccio prudente che mal si concilia con l’attivismo di Washington e Parigi. Che hanno una strategia militare precisa

La Libia ancora in cerca di un governo

Il premier designato dall’ONU presenta un nuovo esecutivo. Ma parlamento e Consiglio presidenziale restano divisi sulla nomina del ministro della Difesa

Libia, forze speciali francesi in azione contro l’Isis

Rivelazioni di Le Monde. I miliziani del Califfato a Sabratha. Sostegno al governo di unità nazionale da 100 parlamentari di Tobruk

Schiaffo all'Onu: no al governo di unità nazionale in Libia

Il parlamento di Tobruk non dà il suo ok alla nascita dell'esecutivo di riconciliazione al quale aveva lavorato l'inviato speciale Martin Kobler

L'Isis in Libia prepara un nuovo Califfato

L'allarme lanciato dal New York Times su fonti dell'intelligence che parlano di istituzioni statali finanziate con il traffico di esseri umani

Il fragile governo di unità nazionale in Libia

Manca ancora l'ok dei Parlamenti di Tobruk e Tripoli. E manca soprattutto un accordo su chi dovrà comattere l'espansione dello Stato islamico nel Paese

Commenti