ron de santis
(Ansa)
ron de santis
Dal Mondo

Ron DeSantis: «La Florida baluardo contro l'estremismo della sinistra dem»

Il governatore dello stato del sud intervistato da La Verità: «I progressisti allungano le mani su istruzione, big tech e sanità. I cittadini lo sanno e al midterm li puniranno»

I progressisti lo detestano, i conservatori lo amano. I sondaggi lo danno al momento come il candidato più forte per la nomination repubblicana del 2024, se Donald Trump decidesse di non scendere in campo. Lo stesso Trump non ha escluso di sceglierlo come proprio running mate in caso di una sua nuova corsa elettorale. Il governatore della Florida, Ron DeSantis, sta diventando insomma una figura sempre più centrale nella politica americana, soprattutto alla luce della sua strenua opposizione alle politiche dell’amministrazione Biden (dall’immigrazione alla pandemia). Per questo La Verità ha deciso di intervistarlo.

Quali sono i rischi che l’estremismo di sinistra sta ponendo oggi agli Stati Uniti?

L'ideologia woke, l’estremismo di sinistra, è l'ideologia dominante nella maggior parte delle istituzioni del nostro Paese, non solo nel governo federale e nella burocrazia. Ma lo è anche nelle grandi società tecnologiche, nei media e nel mondo accademico. Le grandi aziende americane la stanno abbracciando sempre di più. Il governo è stato armato contro le persone che dissentono dal regime. Le politiche delle agenzie federali non sono solo a beneficio delle persone che votano per i democratici, ma in realtà, puntano anche a trasformare i conservatori quasi in cittadini di seconda categoria».

Il problema si pone anche con l’indottrinamento scolastico attraverso la Critical race theory, un insieme di teorie sociologiche –ricordiamolo– che reinterpretano la storia in base al concetto di oppressione razziale.

«La Critical race theory è molto negativa in riferimento alla storia americana, è un'ideologia marxista che tratta i bambini in modo diverso in base alla razza. La Critical race theory divide le persone per il colore della loro pelle; e fa il lavaggio del cervello ai bambini per pensare di essere oppressi o oppressori in base alla loro razza. In Florida, questo viola i nostri standard e non lo permettiamo. I genitori sono molto contrari alla Critical race theory. I genitori vengono alle riunioni del consiglio scolastico per protestare. La discussione e il dibattito dovrebbero essere accolti ovunque negli Stati Uniti. Tuttavia il Dipartimento di Giustizia di Biden, ha recentemente affermato che hanno bisogno di mobilitare l'Fbi, per poter prendere di mira i genitori che erano molto preoccupati per alcune delle cose che stanno accadendo in alcuni distretti scolastici».

Mi spiega per quale ragione si è opposto all’obbligo vaccinale di Biden per il personale sanitario?

«Pensiamo che sia incostituzionale, ma c’è una cosa che mi infastidisce davvero di questo obbligo. Quando parli di infermieri e personale medico, la ragione per cui gli Stati Uniti hanno adottato delle restrizioni è perché non volevano che gli ospedali fossero sotto pressione. Questo era il motivo per cui lo facevano. E quindi dovevi assicurarti di preservare la capacità degli ospedali. Questo è quello che hanno detto. Ora invece faranno questo obbligo. E alcuni infermieri, molti infermieri, potrebbero perdere il lavoro. Quindi stai effettivamente rendendo gli ospedali a corto di personale a causa dell’obbligo. Che senso ha tutto questo? Si tratta di potere. Si tratta di controllo».

Che cosa si aspetta dalle prossime elezioni di metà mandato?

«Non mi interessa solo rallentare il declino del nostro Paese. Dobbiamo invertire il declino e riportare il Paese sulla strada giusta. Penso che la Florida stia mostrando un percorso per farlo, proteggendo i diritti individuali, difendendo i posti di lavoro e i mezzi di sussistenza delle persone contro gli eccessi federali come gli obblighi vaccinali, rifiutando i blocchi e le chiusure delle scuole, dicendo no allo stato di sicurezza biomedica. Se siamo fortunati a vincere alla grande le elezioni, dobbiamo assolutamente sfruttare questa opportunità. I repubblicani probabilmente finiranno con l'avere da 240 a 250 membri della Camera e probabilmente 53 o 54 senatori. E quindi la domanda è: se ciò accadrà, cambierà qualcosa o sarà fondamentalmente un business as usual dove non c'è molto che cambia? E, se le cose non cambiano dopo una grande ondata elettorale, penso che ci saranno molti elettori repubblicani delusi. Promuovere una buona politica è la cosa giusta da fare concretamente, ma è anche la cosa intelligente da fare politicamente. Fai quello che hai detto che avresti fatto, mantieni le tue promesse, assicurati di contrastare la sinistra e le persone vorranno essere lì per sostenerti».

Lei in Florida ha promosso una legislazione molto severa nei confronti dei big della Silicon Valley. Perché?

«Se torniamo alle origini di queste piattaforme, in realtà garantivano libertà, anche perché dall’altra parte avevi i media mainstream, di cui molti americani hanno iniziato giustamente a diffidare. Tali media non avevano più il monopolio dell'informazione. E questo è stato molto positivo per milioni e milioni di americani. E in realtà era un po' troppo positivo e ai poteri forti non piaceva. E quindi penso che ciò che abbiamo visto negli ultimi anni sia un allontanamento delle piattaforme dei social media dall'essere realmente forze liberatrici, per essere ora sostenitrici dell'ortodossia. E così la loro missione principale o una delle loro missioni principali sembra essere quella di sopprimere le idee che sono scomode per la vulgata o con cui non sono d'accordo personalmente».


(Intervista pubblicata su La Verità il 12 dicembre 2021)

Ti potrebbe piacere anche

I più letti