Cronaca

Terremoto a Ischia: chi sono le vittime

Lina e Marilena: la prima è stata colpita dai calcinacci di una chiesa, l'altra dalle macerie della sua abitazione

video terremoto ischia elicottero carabinieri

Redazione

-

Carmela Balestrieri, conosciuta da tutti a Ischia come Lina aveva 59 anni ed era originaria di Barano. E' stata lei la prima vittima del terremoto che ha colpito lunedì sera l'isola di Ischia a Casamicciola.

Sposata con Antonio Cutaneo, corniciaio e artigiano: condivideva con lui e il resto della famiglia la passione per il mondo dei presepi. Lina aveva avuto quattro figli mentre altri due li aveva adottati.

Molto religiosa, era amata da tutti. Catechista del cammino neocatecumenale, ieri sera insieme al marito era arrivata a Casamicciola a bordo dell'auto di famiglia guidata da lei.

Doveva tenere una catechesi nella chiesa del Purgatorio, il cui ingresso non è però riuscito a varcare. E' proprio il fratello, Pasquale, medico cardiologo e consigliere comunale di Ischia, a raccontare gli ultimi attimi di vita della sorella.

"Lina e Antonio sono arrivati nei pressi della chiesa, hanno parcheggiato l'auto. Mia sorella è scesa insieme al marito.

Quando è giunta nei pressi della chiesa del Purgatorio c'è stata la scossa di terremoto. Pochi istanti, neanche il tempo di capire cosa stesse accadendo che una parte del cornicione della chiesa le è crollato addosso ferendola mortalmente.

"Si è accasciata sul selciato - racconta affranto il fratello - con vicino il marito che nulla ha potuto". "Era come una mamma per noi. Faceva valere e pesare i nove anni che mi separavano da lei e quando morì nostra mamma non ci fu alcun dubbio su chi in famiglia la potesse in qualche modo 'sostituire': quella fu sin da subito Lina", conclude Pasquale, commosso e distrutto dal dolore, mentre si trova nella zona antistante la sala mortuaria dell'ospedale Rizzoli, con il marito della donna, le figlie e i parenti dove è stata portata la salma.

Marilena, la seconda vittima

La seconda vittima, rimasta sepolta nella casa crollata in località Maio, sempre a Casamicciola, si chiamava Marilena Romanini, 65 anni, nata a Brescia, ma residente a Monte San Giusto (Macerata).

La Romanini era sull'isola in vacanza. Lo scorso anno era stata al vicino hotel Vinetum - racconta il proprietario dell'albergo - poi quest'anno la decisione di prendere in fitto l'appartamento dove si trovava ieri sera. Marilena Romanini amava l'isola d'Ischia, in particolare Casamicciola e per questo aveva deciso di passare un lungo periodo di vacanza sull'isola.

I feriti accertati sono 39, di cui uno grave.

A Casamicciola gli sfollati sarebbero oltre 2 mila, e altri 600 a Lacco Ameno.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Terremoto a Ischia - Foto e Video

Anche i fratellini Mattias e Ciro estratti sani e salvi. Due morti per la scossa: una donna colpita dai calcinacci di una chiesa, un'altra deceduta in casa

Terremoto Ischia: il salvataggio del piccolo Mattias

Terremoto a Ischia, la reazione dei social network

Solidarietà, rabbia e angoscia per il sisma che, nella notte, ha sconvolto l'isola campana

Terremoto a Ischia: perché è stato così devastante

La morfologia dei terreni vulcanici amplifica la magnitudo. L'intervista a un vulcanologo dell'Università di Pisa

Terremoto a Ischia: il "rebus" della magnitudo

Alla base delle difficoltà nel rilevare la corretta intensità del sisma c'è la sua origine vulcanica, più superficiale di quella tettonica

Commenti