shade-bene-non-benissimo
Musica

Il nuovo singolo di Shade? «Bene ma non benissimo»

Il rapper torinese (e juventino) ci racconta il dietro le quinte del suo nuovo progetto musicale con Warner Italia - Intervista

Si intitola Bene ma non benissimo il nuovo singolo di Shade, l'artista rap torinese al lavoro su un nuovo progetto dopo l'album Clawnstrofobia del 2016. Una hit estiva che usa come filo conduttore un modo di dire diffuso e ideale per raccontare gli aneddoti e gli scenari surreali dell'immaginario di Shade, già fenomeno del freestyle e tra i punchliners più apprezzati del rap italiano oltre che tifosissimo della Juventus. «Bene ma non benissimo è un modo di dire che io uso tantissimo e che negli ultimi anni viene utilizzato molto sul web e dai giovani - ci racconta - Serve per sdrammatizzare situazioni che non sono proprio il massimo...». 

Ci fai un esempio? 

«Beh, per esempio adesso, vengo da tre ore di sonno in due giorni. Ero ad Arezzo e stavo finendo di mettere a posto il video che uscirà a breve. Io però sono un rompipalle, un maniaco dei particolari, quindi non mi bastava lavorarci al telefono. Così ho preso un treno ancora in costume sono arrivato a Milano vestito come un morto di fame. Ecco, questo è un esempio di bene ma non benissimo». 

Che tipo di video sarà? 

«Nel video descriviamo le situazioni che vengono raccontate nel testo. Sarà un crescendo di situazioni tragicomiche, ci siamo ispirati molto ai Lonely Island, adoro il loro stile»

Come va il lavoro per il nuovo album?

«Ci sto lavorando da tempo e sono a buon punto, ho già pronte una ventina di tracce. Non mi sono dato scadenze ma posso dire che sarà un disco molto rap, le sonorità del singolo sono un'eccezione»

Estate in studio o sul palco? 

«Spero di fare entrambe le cose, di girare per concerti ma allo stesso tempo di produrre in studio perché come dice Gué "il business non dorme mai". Sto cercando di fare un album al meglio, non voglio fare un disco con dieci tracce preconfezionate»

Nelle tue canzoni si sentono ancora nitidamente i testi, quasi una rivoluzione in questo periodo...

«Io do sempre molta importanza al testo. Alcuni riescono a fare successo dicendo stronzate che non si capiscono ma io sono molto bravo a dirle per questo ci tengo a scandirle!»

Adesso entro io... SCEMPIONS LEAGUE! #DZGJUV #championsleague #firstneverfollows @adidasita

Un post condiviso da Shade (@vitoshade) in data:

Ultima domanda la finale di Champions, bene ma non benissimo...

«Devo ancora riprendermi. Purtroppo la sera della finale mi trovavo vicino a piazza San Carlo e ho vissuto in prima persona il dramma che si è scatenato. Noi eravamo in studio ma abbiamo soccorso alcuni feriti, è stata davvero una serata terribile...»

Il prossimo anno sarà la volta buona? 

«Fammi essere scaramantico... Non voglio dire niente. Doveva essere l'anno giusto, per il triplete, per Buffon... Invece c'è stato un crollo, secondo me più emotivo che fisico. Continuo a sostenere che la Juve sia allo stesso livello del Real Madrid, ma che dire: spero che il singolo vada meglio della finale di Cardiff...»

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti