Pino Daniele: standing ovation all'Arena di Verona

Il concerto evento con le canzoni di Nero a metà

Pino Daniele – Credits: Ufficio stampa

Gabriele Antonucci

-

La standing ovation dei diecimila spettatori dell’Arena di Verona ha salutato ieri il finale del concerto di Pino Daniele, visibilmente emozionato e soddisfatto per una serata magica. La riproposizione di Nero a metà con il gruppo originale dell’epoca, il sontuoso accompagnamento sinfonico dell’orchestra Roma Sinfonietta e i riusciti duetti con Mario Biondi, Elisa, Emma, Francesco Renga e Fiorella Mannoia sono stati gli ingredienti di un’esibizione che il Mascalzone Latino non dimenticherà facilmente.

Unico assente, tra gli ospiti previsti, è stato Massimo Ranieri, che ha cancellato all’ultimo momento la sua partecipazione per un problema personale, ma il cantattore dovrebbe recuperare in una delle prossime cinque date del concerto-evento. Chi ieri non era presente all’Arena di Verona, infatti, potrà rifarsi nel tour invernale di Nero a metà, che farà tappa l’11 dicembre a Bari, il 13 dicembre a Roma, il 16 e il 17 dicembre nella sua Napoli, per concludersi il 22 dicembre a Milano. L’evento, trasmesso in diretta su Radio Italia, si è aperto con Terra mia, resa ancora più suggestiva dall’arrangiamento sinfonico. 

Il primo duetto della serata è stato quello con Elisa, per la prima volta insieme sullo stesso palco, anche se dall’affiatamento in Quando non si direbbe. Dopo è il momento di Francesco Renga, che interpreta con Pino ed Elisa Voglio di più e solo con il cantautore napoletano Musica musica. Fiorella Mannoia, definita da Daniele “mezza napoletana”, regala grandi emozioni con Senza te e E so cuntento e sta. L’ospite più applaudita, merito anche delle sue onnipresenti fan, è stata Emma Marrone, grintosa e ironica come non mai in  Je so’ pazzo e Nun me scoccià. Mario Biondi ha già collaborato diverse volte con Pino e si sente, sia in Sotto ‘o sole che nell’iconica A me me piace o’ blues, dove il vocalist ha potuto sfruttare al meglio la sua prodigiosa voce black. Il pubblico applaude ripetutamente, anche se qualcuno avrebbe preferito qualche duetto di meno. S

ulla scaletta, invece, nulla da dire, con tutti i brani di Nero a metàriproposti dalla formazione originale del 1980: James Senese al sax, Gigi De Rienzo al basso, Agostino Marangolo alla batteria, Ernesto Vitolo al pianoforte e alle tastiere, Rosario Jermano e Tony Cercola alle percussioni. “Quando lo registrammo –ha detto Pino-non pensavamo ai soldi, alle serate, a cosa sarebbe successo dopo. Non avremmo mai immaginato un exploit così”. Senese ha cantato Puozze passà nu guaglio ed è stato simpaticamente “bersaglio” di Daniele quando,a proposito dei tanti anni passati dall’uscita dell’album, ha detto: “Tutti abbiamo oggi i capelli bianchi, tranne Senese che resta uguale”. Finale da brividi, con tutti i cantanti e i musicisti sul palco a interpretare Napule è e Yes I know my way, due inni che sembrano scritti apposta per salutare il pubblico. Il concerto di Nero a metà non è stato solo una celebrazione di un album storico, ma una grande festa in musica che, se fatta bene come in questo caso, non invecchia mai.

© Riproduzione Riservata

Commenti