Libri e copertine: troni, sdraio e sedie da bar
Libri e copertine: troni, sdraio e sedie da bar
Lifestyle

Libri e copertine: troni, sdraio e sedie da bar

Una sedia vuota non è mai una sedia vuota, è piuttosto una sedia svuotata. E di quello che c’era ora non resta che l’assenza, pesante.

Genio sregolato, esule dall’Unione Sovietica, omosessuale perseguitato, il pianista Egorov troverà la fama nel libero Occidente ma non le sue radici. Sotto il brillante talento cova la fragilità dell’uomo, la nostalgia della patria e degli affetti per sempre perduti. In copertina, l’assenza, l’esilio e la continua precarietà vengono raccontate da una sedia in una stanza spoglia, davanti un pianoforte impolverato. Non sappiamo se la casa sia abitata, né se il pianista sia morto, fuggito o solo fuori dalla nostra vista. Resta solo il silenzio, un pianoforte, e una sedia su cui nessuno siederà più a suonare.

Ti potrebbe piacere anche
Apertura sito

Quando il clero sclera

True

I più letti