Rita Fenini

-

Nel corso dei secoli, prima la pittura e poi la fotografia hanno scandagliato tutte le potenzialità della luce riflessa per descrivere sensazioni e stati d’animo.

Paolo Gotti raccoglie l’ eredità di questa ricerca, scegliendo di esporre le fotografie che compongono la mostra "Colors", dove il colore svolge il ruolo del protagonista. E lo fa rendendo omaggio all’ arte del passato, tendendo un filo sottile - ma significativo - tra fotografia e pittura. È così che, per esempio, la fotografia della facciata di una casa si riallacci al desiderio di Edward Hopper di dipingerne l’ effetto luminoso; e che, ancora, un albero rifletta l’ ispirazione che Vincent Van Gogh traeva dalle cromie della natura, o un campo di fiori sia associato alla ricerca della gioia nei quadri di Pierre-Auguste Renoir.

Molti sono gli artisti presi in esame da Paolo Gotti, di ognuno dei quali il fotografo bolognese ritrova una traccia “a posteriori” nelle proprie opere fotografiche, anche se l' intero progetto si può riassumere nell’ opinione di Pablo Picasso, per il quale “tutto ciò che puoi immaginare è reale”.

Colors di Paolo Gotti

16 dicembre 2016 – 31 gennaio 2017
Corte Isolani, Bologna


© Riproduzione Riservata

Commenti