Tasse

Tasse, la classifica dei Paesi con la pressione fiscale più alta

Secondo gli ultimi dati dell’Ocse l’Italia purtroppo occupa una poco invidiabile sesta posizione

tasse-imposte

Giuseppe Cordasco

-

L’ostilità e l’avversione che gli italiani manifestano per le tasse, non nascono solo dall’avvilente constatazione della sempre più marcata sproporzione tra quanto versato e la qualità dei servizi pubblici, sempre più scadente, che a fronte di ciò viene offerta.

A giocare un ruolo determinante sulla sempre più dilagante insofferenza verso il pagamento delle imposte c’è infatti anche la convinzione che la pressione fiscale esistente nel nostro Paese sia sempre più insopportabile.

E a confermare questa sensazione arrivano, anno dopo anno, numeri e statistiche, che non fanno altro che confermare quello che ormai è un incontrovertibile dato di fatto.

Italia sesta

I dati più aggiornati, ci dicono infatti che nonostante il peso del fisco in Italia sia calato di 0,2 punti, dal 42,6% del 2016 al 42,4% del 2017, esso resta comunque il sesto più pesante dei grandi Paesi industrializzati.

Quest’ultima triste rilevazione giunge nientemeno che dall’Ocse, l’autorevole organismo internazionale per la cooperazione e lo sviluppo economico con sede a Parigi.

Tra l’altro lo studio dell’Ocse rivela anche che il rapporto tasse-Pil è cresciuto in Italia dal 40,6% del 2000 al 42,4% del 2017, ben al di sopra della media dei Paesi monitorati.

In questi ultimi infatti il peso del fisco è passato dal 34% del 2016 al 34,2% del 2017, quindi per noi si tratta purtroppo di un vero e proprio record tra i Paesi appartenenti all'organismo internazionale.

La classifica generale

Passando a considerare la griglia completa dei Paesi, si scopre che a guidare la classifica di quelli più tassati dal fisco c'è la Francia con un livello di tasse pari al 46,2% del Pil.

E allora forse non è un caso se proprio in queste settimane, nel Paese transalpino si stia consumando la protesta dei cosiddetti “gilet gialli” in lotta contro un ulteriore aumento delle accise sul carburante e per un maggiore potere d'acquisto.

Seguono la Danimarca, con una pressione fiscale pari al 46% del Pil, il Belgio (44,6%), la Svezia (44%), la Finlandia (43,3%) e poi, appunto, al sesto posto, l'Italia (42,4%).  La Germania è 14esima (37,5%), gli Usa sono verso il fondo della graduatoria con il 27,1%, mentre il fisco più leggero del club dei Paesi industrializzati è in Messico (16,2%).

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Taglio delle tasse: perché la Francia di Macron può farlo e noi no

La differenza sta tutta nei fondamentali economici che rendono il governo di Parigi molto più affidabile sui mercati finanziari

Tasse locali, la classifica delle Regioni in cui si paga di più

In testa si trova la Campania, nella quale si pagano circa 1.000 euro in più rispetto a quanto sborsano i più fortunati residenti della Valle d’Aosta

Tasse, i punti in comune tra Lega e 5 Stelle

Salvini propone la Flat Tax mentre Di Maio vuole 3 aliquote. Accordo solo contro studi di settore e redditometro

Tasse sul lavoro: ecco quanto pesano in Italia

Secondo il rapporto Taxing Wages dell’Ocse, il nostro Paese presenta uno dei cunei fiscali più alti tra i Paesi sviluppati

Abolire le tasse universitarie: perché sarebbe un errore

Impoverire gli atenei significherebbe non poter pagare bravi docenti, quindi dequalificare il sistema e creare una frattura sociale

Apple-Dublino-UE: l'intesa sulle tasse, spiegato bene

Dal 2018 la casa di Cupertino dovrà versare oltre 13 miliardi di imposte non pagate in un fondo di garanzia in attesa della sentenza della Corte UE

Tasse, ecco le professioni più a rischio evasione

Barbieri, parrucchieri e fiorai presentano minor congruità nella dichiarazione dei redditi. Più diligenti invece amministratori di condominio e laboratori

Commenti