Economia

Manovra economica 2019: le cose da sapere

Il governo ha varato una finanziaria con Flat Tax per le partite iva, Reddito di Cittadinanza e quota 100 per le pensioni. Ma sarà in deficit

Conte-giuseppe

Andrea Telara

-

La Commissione Europea ci ha chiesto di cambiarla entro tre settimane. Intanto, però, la prima manovra economica del governo Conte ha preso corpo. Molte misure, come quelle delle pensioni, sono ancora da scrivere nel dettaglio e saranno necessari dei provvedimenti legislativi ad hoc. Per adesso esiste una bozza con 73 articoli con misure che valgono nel complesso 37 miliardi di euro e prevedono un deficit al 2,4% del prodotto interno lordo (pil), contro l'1,6-1,7% che avrebbe voluto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria,  e contro lo 0,8% promesso negli anni scorsi dall'Italia. 

Ma ecco, di seguito, le principali misure che saranno contenute nella manovra. 

Tra i punti principali ci sono la una pace fiscale che in realtà è un condono, la Flat Tax per le sole partite iva, il Reddito di Cittadinanza, la riforma delle pensioni, il rinnovo dell'Ecobonus ma anche l'aumento delle tasse sulle sigarette e sui giochi. 

Flat Tax 

Uno dei provvedimenti principali è l’introduzione della Flat Tax, la “tassa piatta” con una sola aliquota del 15%. Ma non sarà  per tutti i contribuenti. Verrà applicata inizialmente alle partite iva che fatturano meno di 65mila euro all'anno. In pratica, vi sarà un'estensione del già esistente regime dei minimi, che prevede appunto una tassazione ridotta del 15% (sostitutiva di iva, irpef e addizionali) a chi guadagna meno di 30mila euro. Il tetto dunque si alzerà. 

Reddito di Cittadinanza

Ci sarà anche la partenza del Reddito di Cittadinanza, un sussidio universale contro la povertà e la disoccupazione, promesso da anni ai propri elettori dal Movimento 5 Stelle. Le risorse stanziate per  finanziare questo tipo di indennità ammontano a 9 miliardi di euro e dovrebbero andare a beneficio di 6,5 milioni di persone. Il sussidio, secondo il proclami del governo, partirà da marzo contestualmente a una riforma dei Centri per l'Impiego. Sarà pari ad almeno 780 euro mensili e andrà a chi accetta di partecipare a corsi di formazione o di prestare 8 ore a settimana per i lavori socialmente utili. Non scomparirà però il Rei (Reddito d'Inclusione), un sussidio contro la povertà già istituito dai governi del Pd, che verrà rifinanziato con circa 2 miliardi di euro. 

Blocco dell’iva 

Nonostante la Legge di Bilancio 2019 sia ricca di provvedimenti,  gran parte delle risorse stanziate serve per sterilizzare le cosiddette clausole di salvaguardia. Si tratta di impegni presi negli anni scorsi dal governo italiano con l’Europa: in cambio di maggiore flessibilità nel bilancio pubblico, il nostro paese aveva infatti programmato alcuni aumenti automatici dell’iva (imposta sul valore aggiunto) che sarebbero scattati in assenza di determinati tagli alla spesa o alle detrazioni fiscali. Per evitare questi aumenti nel 2019, il governo Conte ha trovato nelle maglie del bilancio pubblico circa 12,5 miliardi di euro.  

Pensioni e quota 100

Sulle pensioni bisognerà attendere un provvedimento legislativo ad hoc. Una delle principali misure della manovra è comunque l’istituzione della quota 100. Si tratta di un sistema che consente di andare in pensione quando la somma dell’età anagrafica e quella degli anni di contributi raggiunge appunto il livello di 100. Esempio: potrà congedarsi dal lavoro chi ha 62 anni e almeno 38 anni di contributi alle spalle. Verrà stabilita però una soglia minima di anzianità di carriera, pari a 38 anni. Chi ha dunque compiuto 63 o 64 anni all'anagrafe non potrà dunque andare in pensione con la quota 100 se ha soltanto 35 o 36 anni di lavoro alle spalle ma dovrà attendere il raggiungimento dei 38 di contribuzione. Non ci sarà invece la prospettata quota 41, che avrebbe consentito di andare in pensione una volta raggiunti i 41 anni di contributi, indipendentemente dall'età. La misura costa troppo e forse entrerà in vigore solo per i lavoratori precoci.

Tagli alle pensioni d’oro

In Parlamento c'è ancora un disegno di legge della maggioranza per ricalcolare e tagliare le pensioni d'oro, superiori a 4.500 euro netti al mese. Con la manovra, il governo ha preferito però battere un'altra strada, per evitare il rischio di incostituzionalità di questa misura. Le pensioni d'oro verranno tagliate eliminando l'indicizzazione all'aumento dei prezzi che di regola scatta ogni anno. 

Pace fiscale (o condono)

Per rastrellare un po' di risorse, il governo farà una sanatoria sui  debiti dei contribuenti con il fisco (con un eufemismo questa misura viene chiamata pace fiscale). Ci sarà una rottamazione ter delle cartelle esattoriali già ricevute, che consente di pagare il debito col fisco senza sanzioni e interessi. Poi ci sarà la possibilità di far emergere redditi non dichiarati fino a 100mila euro, pagandovi sopra una tassa ridotta del 20%. E' previsto però un tetto per le somme che si faranno emergere, che non potranno superare il 30% dei redditi dichiarati in precedenza. Ci sarà anche la possibilità di chiudere le liti col fisco pagando una cifra forfettaria. La somma da versare è pari al 50% del dovuto per chi ha già vinto la causa in primo grado e scende al 20% per chi ha vinto in secondo grado. 

Ires

E' previsto un piano di sgravi fiscali con sconti sull'Ires, l'imposta sui redditi societari. L'aliquota scende dal 24% al 15% per gli utili destinati agli investimenti in macchinari, alla ricerca e sviluppo e per le assunzioni stabili. 

Tagli e investimenti

Sono previsti investimenti aggiuntivi per 3,5 miliardi di euro (lo 0,2% del pil).In agenda anche tagli alla spesa per 7 miliardi di euro, su varie voci, di cui 1,5 miliardi di euro dal capitolo immigrazione. 

Rc Auto

Sono previste nuove norme sulle polizze della RcAuto che proteggono contro il rischio di incidenti stradali. L'obiettivo è eliminare le tariffe differenziate delle polizze su base geografica, che oggi penalizzano gli automobilisti di certe province, in particoare al Sud. 

Stretta su giochi e sigarette

Vi sarà un incremento delle tasse sulle sigarette ma anche sui giochi d'azzardo (con uno 0,5% in più rispetto a quanto già previsto dal Decreto Dignità)

Ecobonus rinovato 

Verranno rinnovati gli incentivi a chi effettua lavori di ristrutturazione edilizia edi miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici (Ecobonus) o acquisterà oggetti d'arredamento (Bonus Mobili), con detrazioni irpef fino al 50% della spesa in dieci anni. 

Cedolare secca

Il regime della cedolare secca, che prevede una tassazione del 21% sulle rendite d'affitto, verrà esteso anche agli immobili commerciali, e non solo a quelli residenziali. 

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Perché il ministro Tria è il terzo giocatore al tavolo delle nomine

Grillini e leghisti hanno scoperto di avere una resistenza interna al governo, che dalla sua poltrona è diventato garante del passato

Facciamo il tifo per Giovanni Tria

La strategia corretta del ministro dell'conomia potrebbe fallire per le condizioni politico-istituzionali imposte dal resto del governo Salvini-Di Maio

Perché le stime del governo sui conti pubblici non tornano per il ministro Tria

Il numero uno del dicastero dell’Economia punta ad aumentare gli investimenti, ma per farlo ci vorrà un drastico taglio alla spesa già messa in conto

Ecco chi è Giovanni Tria, il nuovo ministro dell’Economia

Favorevole a una revisione dell’euro, possibilista sulla flat tax ma con aumento dell’Iva, critico invece sul reddito di cittadinanza

Lavoro, come funzionerà il bonus assunzioni voluto da Di Maio

Il ministro dello Sviluppo ha preannunciato risorse per almeno 300 milioni all’anno dirette alla stabilizzazione dei contratti

Di Maio e Salvini veloci, Parlamento lento anzi fermo: i dati dello stallo

Questo è l'inizio di legislatura tra i meno produttivi della storia repubblicana. In compenso i due leader sono iperattivi

Come la segretaria di Di Maio ha replicato a chi l'attacca

Assia Montanino ha definito "Sessista e maschilista" chi l'ha accusata di essere una raccomandata

Se Roma diventa l'ennesimo spot per Raggi e Di Maio

I due avviano una cabina di regia per la Capitale: l'occasione per rilanciare l'immagine di un Movimento coeso dopo i problemi dei mesi scorsi

Di Maio convochi i direttori del personale

Richiesta di un tavolo esteso a parti in causa

Commenti