Fiat anticipa gli eco - incentivi. E punta sulle auto a gpl e metano

Al via dal primo marzo i contributi della casa torinese per l'acquisto di auto a basse emissioni. Ecco le differenze con gli aiuti del Governo

Fiat Punto Gpl (Credits: Fiat Group)

Massimo Morici

-

Fiat anticipa al primo marzo gli incentivi per le auto "ecologiche". L'iniziativa punta a spingere le vendite di vetture e veicoli commerciali, che hanno registrato cali a due cifre in Italia negli ultimi mesi (-17,5% a gennaio), sostenendo in particolare la vendita di vetture a metano e Gpl.

Lo sconto proposto dal Lingotto, si legge in una nota, sarà almeno uguale a quello proposto dallo Stato su tutti i mezzi a basse emissioni di Fiat, Alfa Romeo e Lancia oltre ai veicoli commerciali di Fiat Professional.

Ma differenza degli eco - incentivi previsti dal Governo , il cui via libera scatterà il 14 marzo, quello messo a disposizione dal Lingotto, oltre ad essere disponibile per tutto il mese (a partire da oggi), non avrà limiti di plafond, che definisce di fatto il numero di vetture soggette di incentivazione.

Nel caso degli eco - incentivi statali, infatti, i contributi differiscono a seconda del livello di emissione di anidride carbonica: il tetto massimo dello sconto è quindi di 5.000 euro per le auto elettriche (valido nel biennio 2013 -  2014), di 4.000 euro per le ibride e di soli 2.000 per quelle a Gpl - metano , che però sono tra i modelli più venduti.

Ma dov'è il trucco? Fiat ha semplificato il meccanismo di offerta: rispetto ai tre livelli di emissioni incentivate previsti dal Governo e ai due diversi destinatari (privati e utenza professionale), la casa torinese propone un'unica promozione accessibile a tutti (privati e aziende) e valida sia sulle vetture sia sui veicoli commerciali, pari al 20% sul prezzo.

Il contributo della casa torinese, in particolare, viene erogato con o senza rottamazione, senza limiti di plafond, e a differenza di quanto previsto dal Governo, anche per i modelli acquistati da privati e da utenze professionali nelle due fasce tra i 95 e i 120 g/km di CO2 e oltre i 120 g/km, garantendo aiuti più sostanziosi quindi ai clienti interessati ad acquistare auto a gpl o metano.

A partire da metà marzo, però, non sarà possibile sommare gli incentivi statali con quelli proposti da Fiat: nel caso si potrà optare per l'offerta più vantaggiosa.

Ecco alcuni esempi proposti dal Lingotto stesso:

"Nella fascia inferiore ai 95 g/km di emissioni, il cliente può acquistare una Lancia Ypsilon Ecochic Metano nell’allestimento Gold, la versione più venduta, con uno sconto del 20% che corrisponde a circa 3.000 euro più IVA. Il valore è lo stesso da quanto previsto dall’incentivo statale per questa vettura. Se invece si preferisce la neonata 500L TwinAir Turbo Natural Power da 80 CV (benzina /metano), in allestimento Lounge, è possibile beneficiare di un incentivo di 2.000 euro più IVA: è in linea con l’importo massimo previsto dall’incentivo statale per le vetture che rientrano nella fascia inferiore ai 120 g/km di CO2".

L’offerta, che la casa torinese si riserva di ripetere nei prossimi mesi, se avrà successo, sarà oggetto di un’ampia campagna pubblicitaria che parte oggi con uno spot speciale con la voce di Pino Insegno .

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Incentivi per auto ecologiche, come fare per ottenerli

Sono pochi, scatteranno il 14 marzo e serviranno all’acquisto di vetture elettriche, ibride e a gas gpl o metano

Auto: vendite in crisi, ma gpl e metano fanno il pieno

I prezzi di benzina e gasolio spingono gli italiani a scegliere vetture con alimentazioni alternative

Commenti