Economia

Auto ecologica, perché in Italia ibrido ed elettrico non decollano

Il nostro Paese, primo in Europa per l’utilizzo di carburanti alternativi soprattutto a gas, soffre però la mancanza di incentivi

auto_metano

Giuseppe Cordasco

-

Automobilisti italiani certamente ecologisti, ma non alla guida di vetture ibride o elettriche, bensì sfruttando le alimentazioni a gas, ovvero Gpl e metano.

È questa l'istantanea dell'Italia ambientalista su strada che emerge da un rapporto dell'Anfia, l'associazione che raggruppa le aziende della filiera automotive. Secondo i risultati dell'indagine infatti, il nostro Paese si conferma uno dei più virtuosi in Europa per la vendita di vetture ?eco-fiendly?.

Un'auto su quattro delle 953.355 ad alimentazione alternativa vendute lo scorso anno nell'area Ue/Efta, infatti, è stata immatricolata proprio nel nostro Paese, per un totale di 230.010 unità, in crescita del 24% rispetto al 2016.

Elettriche? No, grazie

Un primato di carattere ecologico che però, come accennato, non è stato conquistato grazie alla crescita delle auto elettriche, che anzi in Italia a causa della mancanza di incentivi statali sono piuttosto deboli sul mercato.

Infatti, su un totale di 287.270 veicoli elettrici venduti nel 2017 nei Paesi Ue/Efta (+38,7% sul 2016 e una quota del 30,1% del mercato totale delle auto ad alimentazione alternativa), in Italia le immatricolazioni delle elettriche, pur essendo quasi raddoppiate rispetto al 2016, quando furono 2.819, sono state 4.827.

Ovvero, solo lo 0,2% del mercato auto totale nel nostro Paese e il 2,1% di tutte le immatricolazioni di vetture 'ecofriendly'. Molto diversa invece la situazione delle auto elettriche vendute in Germania (54.617 unità), Regno Unito (47.298) e Francia (36.835), per non parlare della Norvegia che, con 62.313 immatricolazioni, detiene il primato assoluto in Europa.

Ibrido: avanti, ma con timidezza

Solo leggermente migliore appare la situazione se si passa a parlare di auto ibride. In Italia infatti nel 2017, su un totale di 460.418 vendute in Europa (+51,6% sul 2016 e con una quota del 48,3% sul totale del mercato ad alimentazione alternativa), ne sono state vendute 63.398.

Una cifra quasi doppia rispetto alle 37.240 del 2016 e con un'incidenza del 3,2% rispetto al mercato totale italiano, mentre rispetto a tutte le immatricolazioni 'eco-friendly' la quota registrata dalle vetture ibride è del 27,6%.

Come detto dunque la predilezione degli italiani per auto ecologiche si manifesta attualmente in maniera preponderate attraverso l'acquisto di vetture a Gpl e metano, come dire: un Paese che, in tema di auto ecologica, è proprio il caso di dirlo, viaggia a tutto gas.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Auto elettrica, quanto può crescere il mercato in Italia

Il numero di immatricolazioni nel nostro Paese è ancora inferiore a quello di altre realtà dell’Unione, ma ci sono le premesse per il boom

"Benvenuti nella patria dell'auto elettrica"

La Norvegia è il Paese con la più alta penetrazione di vetture a batteria. Grazie a forti incentivi. Come spiega in questa intervista il ministro dell'Ambiente

Auto elettrica, se i tedeschi uniti sfidano il mercato

I grandi marchi, da Bmw a Ford, da Mercedes a Vw, uniranno le forze per creare una rete europea unica di colonnine di ricarica

Tesla: i segreti del successo oltre l'auto elettrica

Ecco perché il modello di business di Elon Musk rivoluziona un ampio ecosistema

Commenti