Blog

Domande a quegli esseri mitologici chiamati “psicologi”

Volevo condividere con voi un po’ di quesiti che mi hanno fatto sorridere sulle leggende che attorniano questi esseri mitologici chiamati psicologi. Nel giro di questi mesi mi sono state fatte delle domande sul mondo della psicologia (e degli psicologi). …Leggi tutto

Volevo condividere con voi un po’ di quesiti che mi hanno fatto sorridere sulle leggende che attorniano questi esseri mitologici chiamati psicologi.

Nel giro di questi mesi mi sono state fatte delle domande sul mondo della psicologia (e degli psicologi). Ho risposto singolarmente a quasi tutte le mail, ma ritengo che tali domande possano essersele fatte in molti … e quindi rispondo in modo sintetico a ciascuna delle vostre perplessità.

Gli psicologi si arrabbiano mai?

Si, certo. Nella vita privata succede di arrabbiarsi, non è che non ci hanno impiantato l’amigdala nel cervello! Possiamo avere degli strumenti per il controllo delle emozioni … ma se vogliamo usarli questo è tutto da vedersi!

Gli psicologi vanno mai dallo psicologo?

I dottori vanno mai da un dottore? Le ostetriche auto-partoriscono? I preti si auto-confessano? Quindi la risposta è: certo! Io stesso ho fatto ai tempi una terapia e se sentissi di averne nuovamente bisogno mi farei scrupoli pari a zero ad iniziare un nuovo percorso!

Che differenza c’è fra uno psicologo e uno psichiatra?

Lo psicologo si è laureato presso la facoltà di psicologia, ha fatto un anno di tirocinio, ha superato l’esame di stato, si è iscritto all’albo degli psicologi. Lo psichiatra è un medico che ha fatto la specializzazione post laurea in psichiatria. Lo psicologo non può somministrare o prescrivere farmaci mentre il medico si. Si potrebbe aprire un dibattito lungo dei giorni sulle differenze fra queste due figure professionali.

Che differenza c’è fra uno psicologo e uno psicoterapeuta?

Lo psicoterapeuta è uno psicologo (ma può essere anche un medico) che ha intrapreso la scuola di specializzazione post laurea in psicoterapia. Lo psicologo si occupa di sostegno psicologico, prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione. Lo psicoterapeuta attraverso strumenti clinici e attraverso la relazione è in grado di accompagnare la persona in un processo di cambiamento, volto al raggiungimento di un migliore stato di equilibrio.

Esistono persone che si spacciano per psicologi ma in realtà non sono in possesso di nessun titolo?

Purtroppo si … e in alcuni casi fanno dei bei danni. Ecco un consiglio da un milione di dollari: controllate sul sito dell’albo degli psicologi se il vostro “candidato” è iscritto o meno.

Come si riconosce se uno psicologo è in gamba o meno?

Questo lo potete giudicare voi. Alcuni psicologi sono efficaci su alcune persone ma meno su altre. Gli psicologi sono come un altro qualsiasi professionista. Ci sono quelli bravi e quelli meno bravi.

“Riesci ad entrare nella testa delle persone?”

E’ il mio lavoro. Ma tendo a sottolineare che non riesco a farlo con capacità extrasensoriali o grazie all’aiuto di uno spirito guida. Capire chi ci sta davanti è un lavoro lungo, complesso e anche non scevro da errori … insomma niente poteri tipo Matrix o gli X-man!

Sotto ipnosi posso commettere azioni totalmente contrarie alla mia etica? Per esempio menare uno sconosciuto?

Direi proprio di no … ma se imparo come fare tre o quattro persone farebbero meglio a non dormire tranquille !!!

Uno psicologo può diventare amico di un paziente?

No. Inficerebbe il percorso psicologico. La dinamica amicale (o affettiva in generale) di fatto altererebbe il rapporto medico-paziente. Durante il percorso psicologico i rapporti si dovrebbero quindi limitare il più possibile al contesto professionale.

C’è un insieme di regolamenti ai quali gli psicologi devono attenersi?

Sì, certo. Si chiama codice deontologico.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti