Pal / Ansa
Cultura

5 libri per ricordare Fantozzi

Dal genio comico di Paolo Villaggio nacque in forma di romanzo il ragioniere più famoso d’Italia. Il grande successo nel 1975, con il film di Luciano Salce

'Fantozzi Forever', di Paolo Villaggio e Francesco Schietroma

Il tragico personaggio di Paolo Villaggio resiste al passare del tempo entrando anche nel mondo dei fumetti. In questa graphic novel troviamo Fantozzi pensionato, impegnato in una serie di avventure ambientate nei nostri giorni, addirittura alle prese con i social network.

Paolo Villaggio e Francesco Schietroma
Fantozzi Forever
(Cairo Publishing)
120 pagine

'Fantozzi', di Paolo Villaggio

Le vere origini sono in queste pagine. È il libro uscito nel 1971 che ha dato i natali al personaggio più amato di Paolo Villaggio. Si tratta della raccolta in formato romanzo dei racconti scritti per l’Europeo negli anni Sessanta, embrioni originali di quelle tragicomiche avventure che sono diventate indubbiamente parte integrante del patrimonio culturale italiano.

Paolo Villaggio
Fantozzi
(Rizzoli)
185 pagine

'Tragica vita del ragionier Fantozzi', di Paolo Villaggio

Volume del 2012 che conclude la saga fantozziana, in realtà recuperando l’infanzia, la giovinezza, gli studi e l’assunzione alla terribile Megaditta del ragionier Ugo Fantozzi. Sempre naturalmente accompagnato dall’immancabile Filini.

Paolo Villaggio
Tragica vita del ragionier Fantozzi
(Mondadori)
187 pagine

'Fantozzi aveva ragione', di David De Filippi

Altro che manuali di self-help, leadership, team bulding o empowerment. In questo piccolo saggio De Filippi spiega come Villaggio, o meglio il suo ragioniere Ugo Fantozzi, abbia dimostrato l’inutilità di qualsiasi tipo di teoria del management. La retorica aziendale cade di fronte ai disastri economici perpetuati da (purtroppo veri) “megadirettori” senza scrupoli.

David De Filippi
Fantozzi aveva ragione
(Aliberti Castelvecchi)
123 pagine

'Fantozzi Kafka. Il ragioniere sotto processo e le sue tragicomiche metamorfosi', di Emilio Cagnoni

Sono sempre curiosi gli accostamenti tra diversi interpreti dei propri tempi, soprattutto se sono molto lontani per epoca e per appartenenza culturale. È quello che ha provato a fare in questo libro Emilio Cagnoni, tracciando una possibile parentela tra i messaggi trasmessi dalla creatura narrativa di Paolo Villaggio e la letteratura di Franz Kafka.

Emilio Cagnoni
Fantozzi Kafka. Il ragioniere sotto processo e le sue tragicomiche metamorfosi
(L’Epos)
224 pagine

Ti potrebbe piacere anche