Calcio

Lampard, Drogba e Llorente. Ecco i tre supercolpi di gennaio

L'ex centrocampista del Chelsea sarebbe vicino all'Inter, mentre Drogba pare ormai avviato sulla strada che porta a Milanello. Llorente alla Juve? Affare possibile

Lampard duella con Bonucci nella prima sfida della fase a gironi della Champions 2012/13 (Credits: Jonathan Moscrop - LaPresse)

Il nome del giorno per chi segue le vicende del calciomercato di casa nostra è Frank Lampard, 34enne centrocampista del Chelsea in scadenza di contratto. Su di lui, vera e propria bandiera del club londinese (12 le stagioni con i Blues), si sarebbero concentrate le attenzioni di Lazio e Inter, che potrebbero riuscire nell'impresa di portarlo in Italia già nella sessione di gennaio. Lampard non rinnoverà con il Chelsea e si sta guardando intorno, in attesa di ricevere proposte che possano soddisfarlo sotto il profilo economico e agonistico.

Sì, perché il due volte calciatore inglese dell'anno, un monumento della Premier League, sarebbe felice di vestire la maglia di una squadra importante, in linea con il suo palmarès. E la Serie A, dalle notizie che giungono dal Regno Unito, sarebbe una destinazione gradita. Lotito ci prova da qualche giorno, perché l'affare Klose ha confermato che i campioni, quelli veri, offrono garanzie importanti anche a fine carriera, ma se Moratti decidesse di sferrare il colpo decisivo, non ci sarebbe scampo per il patron della Lazio.

Stramaccioni aspetta e spera, e nel frattempo accoglie a braccia aperte il primo acquisto dell'Inter nel 2013, Tommaso Rocchi (a proposito di Lazio), che farà le veci di Milito in Italia e in Europa. Come dire, in tempi di crisi, piace l'usato sicuro.

Sempre dall'Inghilterra, ma questa volta via Cina, potrebbe raggiungere la Serie A a gennaio anche un altro grande ex del Chelsea, quel Didier Drogba che soltanto pochi mesi fa ha praticamente vinto da solo la Champions League. Il centravanti ivoriano, in partenza per la Coppa d'Africa (manifestazione a cui non vuole assolutamente mancare), avrebbe deciso di chiudere anzitempo l'esperienza nello Shangai Shenhua per seguire le pulsioni del calcio che conta.

Lo segue da tempo la Juventus, che starebbe pensando di girare a Conte un attaccante in grado di fare la voce grossa in Champions, ma nella trattativa si è inserito prepotentemente da qualche giorno il Milan di Galliani, prossimo alla doppia cessione di Pato e Robinho e alla ricerca di un giocatore in grado di non far rimpiangere la coppia carioca.

Lippi assicura che sia ancora un calciatore con i fiocchi, tuttavia come giustificare alla piazza l'investimento milionario su un ex fuoriclasse che compirà 35 anni il prossimo marzo? Drogba incassa in Cina qualcosa come 1 milione di euro al mese. In Italia, potrebbe arrivare a strappare un contratto per meno della metà, ma si tratta sempre di una cifra da copertina. La Juve è sempre meno convinta dell'operazione. Il Milan, invece, lo è sempre di più. Anche se lavora sotto traccia per chiudere per Osvaldo o Destro. Anche se Balotelli rimane il sogno da concretizzare appena possibile.

Secondo alcune indiscrezioni, la Juve avrebbe deciso di sganciarsi da Drogba perché avrebbe fiutato la possibilità di arrivare a Fernando Llorente prima di giugno. Proprio così, l'attaccante dell'Atletico Bilbao, in rotta con la società dalla scorsa estate, quando uscì allo scoperto dichiarando di voler lasciare la squadra appena possibile, sarebbe a un passo da Torino.

Marotta avrebbe convinto la dirigenza basca a privarsi del suo asso per una cifra intorno ai 5 milioni di euro. Tanti se si considera che lo spagnolo può essere trattato a costo zero a fine stagione, ma relativamente pochi se si pensa che per acquisire un attaccante di livello per la Champions sarebbe stato necessario un investimento ben più sostanzioso. Llorente meglio di Drogba per un progetto in prospettiva e per molti addetti ai lavori sicuramente più credibile di Borriello in tema di efficacia sotto porta.

© Riproduzione Riservata

Commenti