Economia

Ecco dove fare il pieno nel weekend

Dopo l’Eni, anche altre compagnie lanciano forti sconti e a guadagnarci per una volta sono i consumatori

(Credits: Daniele Stefanini/Imagoeconomica)

File di automobili davanti ai benzinai, compagnie petrolifere che scatenano una guerra di sconti, prezzi che scendono in maniera vertiginosa: verrebbe da dire, parafrasanso una celebre espressione, “E’ la concorrenza bellezza!” e quando c’è si vede alla luce del sole, basta recarsi nei weekend presso qualche pompa di benzina per averne la prova. Da quando infatti tre settimane fa la Eni ha lanciato la sua iniziativa “Riparti con Eni” praticando sconti dell’ordine di 20 centesimi al litro su benzina e gasolio, sul mercato dei carburanti è in atto una piccola rivoluzione commerciale con gli italiani in febbrile attesa proprio del sabato e della domenica per fare il pieno. Alla campagna lanciata dall’azienda del cane a sei zampe hanno infatti subito risposto altre compagnie, con il risultato che un litro di benzina o gasolio nel weekend può arrivare a costare dai 20 ai 25 centesimi al litro in meno, un taglio che, in termini di pieno, si traduce in un risparmio di circa 20-25 euro alla volta.

Ovvio dunque che davanti ai distributori si creino file interminabili di automobili, simili a quelle che di solito si vedono nelle giornate che precedono uno sciopero dei benzinai. Da quando è iniziata l’offerta, l’Eni ha comunicato che almeno 5 milioni di italiani si sono riforniti presso i propri distributori che aderiscono all’iniziativa, con vendite che si sono quintuplicate. La conseguenza è stata dunque l’immediata risposta di compagnie come Esso e Q8 che hanno deciso di accettare la sfida degli sconti, riuscendo addirittura a rilanciare al ribasso, con listini che nel caso della Esso hanno toccato punte di -27 centesimi al litro rispetto al prezzo praticato durante la settimana.

“Gli italiani – dice a Panorama.it Rosario Trefiletti, presidente di Federconsumatori – non possono che essere contenti di questa situazione. L’iniziativa della Eni ha fatto scattare la vera concorrenza sul mercato dei carburanti. Peccato che essa sia concentrata solo nei weekend. Ora lo sforzo da fare è quello di trascinare queste dinamiche di ribasso a tutta la settimana, in modo da farle diventare strutturali”.

Conoscendo però come ha funzionato finora in Italia il mercato dei carburanti , non si può non sospettare che si tratti di un fuoco di paglia, che presto si smorzerà. “Certo – dice Trefiletti – immagino che le compagnie si parlino. Non dico che facciano cartello, però certamente si può prevedere che questa vera e propria guerra dei prezzi possa presto finire. Noi comunque speriamo che prosegua, anche perché in questi giorni si sta dimostrando del tutto infondata un’ignobile diceria secondo la quale il costo dei carburanti in Italia fosse elevato anche perché gli italiani non utilizzavano il self. Ebbene, se lo sconto è di venti centesimi, e non di due miseri centesimi, gli italiani fanno la fila al self, quindi è ora di finirla con queste chiacchiere”.

Quello che c’è di certo è che l’iniziativa dell’Eni è stata confermata fino al 3 settembre, quindi per tutta l’estate la sfida degli sconti continuerà. Anche se bisogna sottolineare che i distributori che aderiscono all’offerta sono circa la metà di tutta la rete Eni, e non ci sono quelli sulle autostrade. Detto ciò però, chi vuole risparmiare in questo periodo, con un minimo sforzo, riesce a trovare benzinai che aderiscono, anche perché, come detto, ora gli sconti arrivano a pioggia anche da altre compagnie. Andiamo allora a vedere di seguito le varie iniziative commerciali in campo e quanto si potrà risparmiare nel prossimo weekend che ormai è alle porte:

Riparti con Eni
L’offerta è valida per tutti i weekend dell’estate, fino al 3 settembre. Gli sconti sono di circa 20 centesimi in media con prezzi che scendono a 1,58 euro per la benzina e 1,48 euro per il diesel. Bisogna rifornirsi ovviamente in modalità self dalle ore 13 di sabato fino alle 7 di lunedì. E’ importante verificare i distributori che aderiscono all’iniziativa.

Q8 Easy
La Q8 è stata tra le prime compagnie petrolifere a rispondere all’offerta Eni. Nei distributori a sigla Q8 Easy, dove già normalmente funziona il solo servizio self, è valida una promozione speciale che parte dal sabato e arriva alla mezzanotte della domenica. I prezzi finora sono stati di solito calibrati di un centesimo inferiori a quelli praticati dall’Eni.

Esso Self Più
Molto agguerrita anche la risposta che è arrivata dalla Esso, che ha messo in campo promozioni molto vantaggiose, che in alcuni casi nel corso dei weekend hanno raggiunto punte record di -27 centesimi. Questa iniziativa si somma a quella già praticata in precedenza che prevedeva  nell’orario di chiusura tutti i giorni uno sconto di 5 centesimi al litro. Anche in questo caso bisogna verificare i distributori aderenti.

IP, TotalErg, Shell e Tamoil
Inutile dire che in questa situazione anche le altre compagnie in un qualche modo hanno dovuto rivedere al ribasso i propri listini. In particolare IP ha deciso di lanciare uno sconto di circa 16 centesimi al litro sul servito, TotalErg applica un risparmio di 15 centesimi nelle aree di maggiore competizione e Shell ha abbassato i propri listini di circa 10 centesimi in molte pompe.

© Riproduzione Riservata

Commenti