Una mostra, quella a Palazzo Ducale di Genova, che ripercorre le principali componenti della breve e feconda carriera di Amedeo Modigliani

Attraverso una trentina di dipinti provenienti da importanti musei (come il Musée de l’Orangerie e il Musée National Picasso di Parigi, il Koninklijk Museum voor Schone Kunsten di Anversa, il Fitzwilliam Museum di Cambridge, la Pinacoteca di Brera) e da prestigiose collezioni europee e americane, oltre ad altrettanti disegni, si intende mettere in risalto il grande valore della sua ricerca in quel clima assolutamente unico creatosi nella Parigi d’inizio Novecento.

Particolare attenzione viene rivolta all’ aspetto centrale della ricerca dell' artista livornese, ovvero la sua predilezione per il ritratto, nel quale - per primo - riuscì ad esprimere uno strettissimo rapporto psicologico con il soggetto, per poi avviarsi progressivamente verso una purezza e un’ eleganza formale assolute: numerosi sono i dipinti che Modigliani dedica a occasionali modelle, ma anche ad amici e compagni d’avventura, protagonisti anch’ essi della vita culturale parigina d’ inizio secolo, tra Montmartre e Montparnasse, di cui Modì testimonia l’ effervescenza artistica e culturale, in cui convivono e si incontrano grandi mecenati e mercanti d' arte

La mostra rivolge la propria attenzione anche ai Nudi di Modigliani, capolavori dalla sorprendente carica erotica unita a una capacità introspettiva altrettanto forte, che emanano una forte sensualità e che all’ epoca suscitarono grande scalpore: la prima personale di Modì - alla Galleria Berthe Weill nel 1917 - fu un vero e proprio uno scandalo. Chiuse prima di iniziare, perché polizia e pubblico si sentirono oltraggiati da quei nudi sensuali...

Modigliani
dal 16 marzo al 16 luglio 2017


Palazzo Ducale
 - Appartamento del doge

Piazza Matteotti, 9 - Genova -

Orari
da lunedì a domenica 9.30 – 19.30
venerdì 9.30 – 22.00
la biglietteria chiude un’ora prima



© Riproduzione Riservata

Commenti