Gruppo A: il Camerun

L'obiettivo è superare il girone come nel 1990. La stella della squadra è ancora Samuel Eto'o, per lui sarà il canto del cigno con la nazionale

– Credits: Getty Images

Matteo Politanò

-

Gruppo: A con Brasile, Messico e Croazia

Presentazione: I leoni indomabili arrivano in Brasile convinti di poter stupire. Tra le nazionali più forti di sempre in Africa parteciperanno al mondiale per l'ottava volta sognando di avvicinare il risultato di Italia 1990 con i quarti di finale raggiunti grazie a Roger Milla e compagni. L'obiettivo della partecipazione in Brasile è quello di superare il girone, un compito non facile considerando la concorrenza di Messico e Croazia.

I convocati: Agli ordini del selezionatore Juan-Paul Akono ci saranno alcuni tra i talenti più limpidi della scuola camerunense degli ultimi anni. A partire dalla difea con l'esperienza di giocatori come Asoou-Ekotto, Aurelien Chedjou, Nicolas N'Koulou e Dany Nounkeu. A centrocampo tanta sostanza ma poca fantasia, la stella è Alexandre Song del Barcellona ma i giocatori provenienti dalla Liga saranno con tutta probabilità altri tre: Raoul Loè dell'Osasuna, Fabrice Olinga del Malaga e Stephane Mbia del Siviglia. La nazionale africana ruota ancora attorno le giocate di Samuel Eto'o che in avanti vedrà tanti giovani di prospettiva come compagni di reparto.

La probabile formazione: (4-2-3-1) Kameni, Assou-Ekotto, Chedkou, Nkoulou, Bong, Song, Enoh, Moukanjo, Makoun, Eto'o, Webò

Le stelle: La stella è sempre la stessa, Samuel Eto'o. L'attaccante del Chelsea è alla sua ultima possibilità di mettersi in mostra nella manifestazione più importante. Con la sua nazionale ha segnato 55 gol in 115 partite e agli ordini di Jean-Paul Akono dovrebbe essere nuovamente impiegato come esterno sinistro in un attacco che vedrà come terminale Pierre Webo.

I giovani da tenere d'occhio: Tra i talenti più interessanti c'è quello di Nicolas N'Koulou, difensore del Marsiglia che a gennaio è stato a lungo vicino al Napoli. Nato a Yaoundé nel 1990 è stato portato in Francia dal Monaco nel 2007. Nel 2010 è stato inserito da Don Balon nella lista dei giocatori più interessanti nati dopo il 1989 e un anno dopo è passato al Marsiglia dove ha già raccolto 87 presenze con 1 gol. Con la nazionale camerunense ha esordito nel 2008 e conta già 43 presenze tra cui una nel mondiale 2010 in Sudafrica contro il Giappone.

Il palmares: 4 coppe d'Africa, miglior risultato ai mondiali il quarto di finale del 1990, in confederations cup miglior risultato la finale del 2003
Vecchie conoscenze: L'unico giocatore con precenti nel campionato italiano è Samuel Eto'o, all'Inter dal 2009 al 2011 con 33 gol in 67 partite. Protagonista del Triplete con Mourinho è stato l'idolo dei tifosi nerazzurri in un momento storico per il club di Massimo Moratti, capace di vincere 6 trofei in due anni. Ha lasciato l'Italia nell'agosto 2011 per accettare la faraonica offerta dell'Ahnzi.

L'allenatore: Jean-Paul Akono è un'istituzione per il calcio del Camerun. Nel 1973 ha giocato da titolare nella partita persa per 2-0 a Kinshasa contro lo Zaire valida per le qualificazioni ai Mondiali del 1974. Nel 2000 ha invece allenato la nazionale camerunese alle Olimpiadi di Sidney vincendo la medaglia d'oro. In seguito ha allenato per un altro anno il Camerun e per due anni, dal 2002 al 2003, il Ciad. Dal 13 settembre 2012 è diventato nuovamente il commissario tecnico del Camerun.

© Riproduzione Riservata

Commenti