Calcio

Luther Blisset compie 60 anni: da calciatore a collettivo letterario

Arrivò in Italia per sfidare Platinì ma divenne "Callonisset": negli anni '90 il suo nome fu scelto dagli attivisti ispirati dal romanzo "Q"

blisset

Matteo Politanò

-

Il 1 febbraio del 1958 nasceva a Falmouth Luther Blisset, calciatore inglese ex Milan noto per la sua scarsa vena realizzativa e quindi ribattezzato anche Luther Miss it, ossia "Luther sbaglialo". Il suo nome era anche diventato lo pseudonimo del collettivo di sinistra divenuto celebre con il romanzo Q.

Gli inizi

Luther Blisset esordì appena diciassettenne nel Watford iniziando a segnare gol a valanga. Nella stagione 1982-1983 conquista il titolo di capocannoniere della First Division con il Watford e diventa anche uno dei primi calciatori di colore a vestire la maglia dell'Inghilterra. Con la sua Nazionale raggiunge l'apice il 15 dicembre 1982, giorno della tripletta contro il Lussemburgo. Saranno contemporaneamente i primi e gli ultimi gol con la maglia inglese, inizio di un'involuzione che non si sarebbe mai arrestata.

L'arrivo al Milan

Nel 1983 il presidente del Milan neopromosso in Serie A, Giuseppe Farina, lo acquistò per portarlo in rossonero. Si presentò così: "Platini ha segnato diciotto gol. Milan, io ne infilerò di più! Diventerò l’idolo dei giovani". La sua esperienza fu però tutt'altro che esaltante: 5 gol in 30 partite, troppo pochi rispetto alla caterva di occasioni gettate al vento. Il giornalista Gianni Brera lo soprannominò Callonisset in onore ad un altro sfortunato attaccante del Milan, Egidio Calloni, mentre Mai dire Gol lo scelse come esempio per la sua rubrica "Fenomneni Parastatali". Tornò così mestamente in Inghilterra nell'estate 1984 restandoci fino alla fine della carriera.

Appese le scarpe al chiodo Blisset è diventatato un allenatore: prima nello staff tecnico del Watford dal 1996 al 2001 e successivamente sulle panchine di alcune squadre minori inglesi, tra cui York City e Chesham Utd.

La passione per le auto

Dopo aver terminato la carriera nel calcio per un breve tempo Blisset ha provato a dedicarsi alle corse automobilistiche. Nel 2007 ha così dato vita al team Team48 Motorsport con l'obiettivo di qualificarsi alla 24 ore di Le Mans del 2010 con la sua Alfa 156 costruita da sola pezzo per pezzo.

Il collettivo

Il nome di Luther Blisset è legato però anche ad un altra realtà, quella del collettivo di performer, artisti e squatter che negli anni novanta presero in prestito il suo nome. Lo pseudonimo apparve per la prima volta in Italia nel 1994 a Bologna quando alcuni attivisti iniziarono ad usarlo per denunciare la superficialità e la malafede del sistema mass-mediatico. È divenuto celebre con il romanzo Q pubblicato nel 1999. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Calhanoglu sbaglia gol a porta vuota Milan-Lazio | video

Cutrone, gol con fallo di mano in Milan-Lazio | video

La fake news dell'inchiesta di riciclaggio nella compravendita del Milan

La Stampa e Il Secolo XIX sparano la notizia in piena pagina. Ma viene smentita subito dal pm di Milano Francesco Greco. Marina Berlusconi "indignata" per la gravità della falsificazione

Serie A 2017-2018: i giocatori squalificati e diffidati di tutte le squadre

Guida agli assenti (e a chi rischia la squalifica) giornata per giornata in base alle decisioni del giudice sportivo

Commenti