Italia: i retroscena sulle liti nello spogliatoio azzurro

Dopo l'eliminazione emergono dettagli su quello che davvero avveniva nel gruppo di Prandelli, una gruppo tutt'altro che unito

Quando si dice un'immagine emblematica... – Credits: Getty Images.

Redazione

-

Ora che tutto è finito, che non c'è più nulla da nascondere nella speranza che i risultati del campo mettano il resto in secondo piano, ecco che i quotidiani si scatenano nel raccontare com'è davvero andata la spedizione azzurra in Brasile. Cronache a volte discordanti sul singolo episodio o sui protagonisti coinvolti, ma che fotografano comunque un'atmosfera di continua tensione in un gruppo che il prossimo ct dovrà probabilmente più rifondare che ricompattare. Ecco alcuni stralci dalle pagine di oggi, quelle che Buffon e compagni potranno sfogliare dopo essere sbarcati tra Malpensa e Fiumicino...

La Gazzetta dello Sport

In ritiro Buffon e Chiellini hanno più volte parlato con il ct: "Guardi, mister, che lei con Mario è troppo buonista e questa cosa irrita molto i giocatori", scrive Sebastiano Vernazza. E più avanti: "Si sussurra che si siano alzate le mani, ma non abbiamo trovato conferme: nessuno ha picchiato nessuno, ci è stato assicurato". Per poi concludere: "Il nocciolo duro della Nazionale non ne vuole più sapere" (di Balotelli, ndr). In un altro servizio a tutta pagina, Luigi Garlando pone invece l'accento su come Cesare Prandelli sia stato di fatto sfiduciato dai senatori dello spogliatoio, con il gruppo degli juventini assai critico anche verso "lo spirito vacanziero di alcuni ragazzotti (Insigne)".

La Repubblica

Il giorno prima del match decisivo contro l'Uruguay Balotelli era stato redarguito anche dal preparatore atletico della Nazionale perché si allenava poco convinto. Questa una delle rivelazioni dell'inviato de La Repubblica Francesco Saverio Intorcia, che entra anche nel dettaglio della violenta discussione avvenuta nello spogliatoio durante l'intervallo, al termine della quale Prandelli ha deciso l'ingresso di Parolo al posto di SuperMario: "Balotelli non ha gradito la ramanzina del ct, ha cominciato a borbottare nello spogliatoio, a gironzolare, a imprecare. Qui c'è stata la rivolta dei veterani...". E dopo l'eliminazione, oltre all'alta tensione tra De Rossi e Balotelli riportata da tutti, ecco il diverbio tra Bonucci e Cassano, già mal sopportato in precedenza dai compagni per le continue lamentele in seguito allo scarso impiego: "Zitto tu, che non hai vinto niente, o qualcosa del genere".

Il Corriere della Sera

In un pezzo a quattro mani, Alessandro Bocci e Paolo Tomaselli confermano che non si è arrivati allo scontro fisico tra compagni, "ma tra sedie e bottigliette, volano anche parole grosse. La spaccatura tra i senatori della squadra di Prandelli è clamorosa".

Il giallo del bicchiere

Diversi quotidiani e siti online (incluso il nostro) hanno riportato la notizia del bicchiere rotto da Cassano durante una discussione a pranzo, in cui si stava lagnando delle scelte di Prandelli. Sull'episodio è intervenuta la Figc con il seguente comunicato: "Non è assolutamente vero che Cassano ha rotto un bicchiere per essere stato escluso dalla partita con l’Inghilterra. Questa cosa non è mai accaduta".  Con il senno di poi, l'episodio pare comunque ormai un dettaglio nella bufera...

Il Secolo XIX

Nell'intervallo della sfida con l'Uruguay dopo che Balotelli aveva protestato per i rimproveri di Prandelli, rifiutando la sostituzione, il difensore della Juventus, Leonardo Bonucci, lo ha portato fuori dallo spogliatoio gridandogli: "Imbecille, adesso esci di qui e stai zitto!", anticipando l'intervento di un altro dei senatori, Daniele De Rossi che gli avrebbe detto: "Ho una gran voglia di spaccargli la faccia"

© Riproduzione Riservata

Commenti