News

Sciopero, il venerdì nero di trasporti, scuola e sanità

In tutta Italia si sono astenuti dal lavoro i dipendenti pubblici per la mobilitazione indetta da Slai Cobas e Usi

È stato un venerdì nero per trasporti, scuola e sanità. In molte città hanno funzionato a singhiozzo i servizi scolastici, sanitari, mezzi pubblici e trasporti ferroviari per lo sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private indetto da Slai Cobas e Usi (escluse le zone colpite da calamità ed eventi sismici).

- LEGGI ANCHE: Lufthansa, perché i piloti scioperano

"Dalle 14,30 la linea A della metropolitana di Roma è tornata in servizio. Si registrano comunque forti riduzioni di corse". È quanto fa sapere l'Agenzia per la mobilità  di Roma. Dalle 12,30 la linea C della metropolitana è stata invece riattivata sull'intero percorso. Il personale Atac che ha aderito allo sciopero del trasporto pubblico di oggi, secondo il dato rilevato a metà mattinata, è stato pari all'8,2%"

Hanno incrociato le braccia anche i dipendenti del ministero della Giustizia iscritti a Flp-Giustizia e Usb (personale del dipartimento dell'organizzazione giudiziaria) sempre per le 24 ore. Ad aggiungersi poi la protesta nel settore ferroviario dei lavoratori del Gruppo Fs, Trenitalia, Rfi, Trenord, Fsi, Ntv, Serfer-Servizi Ferroviari, Ferservizi e Italcertifer (personale aderente a Cat e Cub Trasporti, Usb, Sgb) dalle 00.00 alle 21. Fermo anche il trasporto merci sempre dalle 00.01 alle 21 di domani.


ANSA / ETTORE FERRARI
Un pannello elettronico con l'indicazione della sospensione del servizio per sciopero all'entrata della metro alla stazione Termini, Roma, 25 novembre 2016.
Ti potrebbe piacere anche
ARTICOLI PREMIUM

La nuova stangata sulla casa

True

I più letti