Renzi a Torino: sì al merito, no all'industria della lagna
Renzi a Torino: sì al merito, no all'industria della lagna
News

Renzi a Torino: sì al merito, no all'industria della lagna

Dopo una visita a Mirafiori, il premier al Politecnico esalta la meritocrazia: "Ci sono università di serie A e di serie B"

Tour piemontese per il premier Matteo Renzi che in mattinata ha partecipato ai funerali di Michele Ferrero ad Alba.

Nel pomeriggio il presidente del Consiglio ha visitato il centro ricerche della General Motors a Torino ed è tornato a lanciare un messaggio al Paese, chiedendo che l'Italia non sia "pigra e rassegnata". 

"L'industria della lagna non è vincente, ma quella dell'innovazione e della curiosità" ha detto Renzi, rivolgendosi ai giovani ricercatori del centro Gm di Torino. "L'immagine del paese è quella di una industria della lagna e questo mi rammarica"

Subito dopo ha inaugurato l'anno accademico del Politecnico di Torino. Ad attenderlo c'era un gruppo di manifestanti.

  

"Dobbiamo avere il coraggio di dire che questa storia per cui in Italia non si può affermare che ci siano diverse qualità fra le diverse università è ridicola. Ci sono già università di serie A e di serie B in Italia e rifiutare la logica del merito dentro le università e pensare che tutte siano brave è quanto di più antidemocratico vi possa essere".

"Bisogna saper riconoscere il merito - ha aggiunto Renzi - non possiamo pensare di portare tutte le 90 università nella competizione globale, allora ci spazzeranno via tutti quanti". "In democrazia - ha aggiungo Renzi "se oggi perdi, domani puoi vincere, non si tratta di bloccare la maggioranza, ma di trovare idee che siano vincenti. Se nelle università abbiamo paura delle classifiche, allora abbiamo paura della realta'". 

Torino, gli studenti contestano la visita di Renzi

Gli studenti contestano il Presidente del Consiglio Matteo Renzi durante l'inaugurazione dell'anno accademico al Politecnico, Torino, 18 Febbraio 2015 ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO
Ti potrebbe piacere anche

I più letti