Politica

Signa: crocifisso al seggio coperto con lo scotch

Polemiche per il gesto della presidente di un seggio, moglie del candidato del Pd

crocifisso scuola Signa scotch

I fatti. A Signa, cittadina della toscana, la presidente di uno dei seggi elettorali impegnati nel ballottaggio copre con lo scotch il crocifisso presente nell'aula. Siccome le cose vanno spiegate per bene ecco che bisogna aggiungere alcuni piccoli particolari: la presidente del seggio in questione che ha messo lo scotch sul simbolo "della vergogna" è del Pd. La seconda è che è anche la moglie del candidato della sinistra in città. La terza è che la stessa ha motivato il suo gesto spiegando che "al primo turno in molti si erano lamentati della presenza del crocifisso, così ho deciso di coprirlo".

Per la cronaca la cosa è durata poco perché sono stati molti di più quelli che si sono lamentati dello scotch rispetto a coloro che erano infastiditi dalla figura di Gesù sulla croce. La presidente infatti (investita dalle polemiche che grazie ai social hanno fatto in fretta il giro del web ed ovviamente del paesino vicino a Firenze) ha tolto i due pezzi di nastro adesivo... Questi i fatti.

A leggere questa vicenda è evidente che la parola chiave sia "vergogna". Come uomini infatti tendiamo a coprire le nostre nudità, le cose che non ci piacciono in casa, gli errori domestici. Le cose di cui, appunto, ci vergognamo. Qui però è diverso.

Perché quel crocifisso è un simbolo, certo religioso, ma anche culturale. Un simbolo della nostra cultura (leggere qui il pensiero di un poeta, Davide Rondoni, proprio sui simboli ed il loro significato). Coprire quel Gesù significa non solo vergognarci di lui ma anche di quella che è la storia e la cultura degli italiani, siano cattolici o atei.

Precisiamo che non è obbligatorio avere un crocifisso in classe e che coprirlo o toglierlo è assolutamente lecito. La preside di quella scuola (per fortuna) non l'ha mai fatto. La gente, la maggioranza anche in quel paesino da sempre di sinistra, non ne ha mai sentito il fastidio, o vergogna.

Stai a vedere che forse l'unica cosa di cui vergognarsi siano proprio quesi due pezzi di scotch. Forse se ne renderà conto anche la Presidente del seggio (e moglie del sindaco che ha vinto il ballottaggio).


© Riproduzione Riservata

Commenti