Politica

Luigi Di Maio, tutte le "sparate" del vicepremier

Nella gara comunicativa con Matteo Salvini, anche il leader del Movimento va di stoccate quotidiane. Che a volte suonano come gaffe istituzionali

Luigi Di Maio

Simona Santoni

-

Nella gara comunicativa con il suo attuale pari grado ma indubbiamente maschio alfa Matteo Salvini, il vice premier grillino Luigi di Maio tira fuori con ritmo regalare sparate rimarcabili.

Dalle banche dall'atteggiamento mafioso alla mezz'ora di internet gratis per i poveri (oh che utilità!), ecco le "frasi celebri" del ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Le banche mafiose

2 luglio 2018. Dopo l'incontro con l'imprenditore calabrese Nino De Masi nel mirino della 'ndrangheta, Di Maio mette sullo stesso piano mafia e banche, centrando una gaffe istituzionale: 

"La mafia è un atteggiamento prima di tutto, prima ancora che un'organizzazione criminale. Questo atteggiamento lo vediamo nelle organizzazioni criminali, che Nico De Masi ha denunciato come imprenditore, ma lo vediamo anche in organizzazioni che non sono criminali. Lo vediamo in alcuni atteggiamenti delle banche, perché ci sono sentenze che riconoscono l'usura delle banche".

Mezz'ora di internet gratis ai poveri

26 giugno 2018. Nell'Internet Day, Di Maio parla di connessione a internet come "diritto primario di ogni singolo cittadino", aggiungendo:

"Immagino uno Stato che, per tutelare questo diritto, interviene e fornisce gratuitamente una connessione a Internet di almeno mezz'ora al giorno a chi non può ancora permettersela".

I poveri apprezzeranno questa concessione per loro utilissima?

Il sostegno del governo ai sindaci del M5S

9 giugno 2018. In vista del voto delle Comunali del 10 giugno, il neo vicepremier Di Maioo diffonde un video su Facebook in cui invita a votare i sindaci grillini, che avrebbero il sostegno del governo grillino:

"Avranno un governo nazionale dalla loro parte che li potrà aiutare a risolvere problemi complessi come le crisi aziendali. Avere sindaci 5 Stelle nei singoli comuni italiani significa avere sindaci che hanno dalla loro parte il governo nazionale e potranno parlare con i ministri per risolvere i problemi".

Come a dire che i sindaci di altra casacca politica non avranno il sostegno del governo? Per Paolo Cento di Liberi e Uguali le dichiarazioni di Giggino sono un "ricatto inaccettabile".


Impeachment a Mattarella

27 maggio 2018. Dopo che il buon Mattarella ha bloccato il primo tentativo di governo gialloverde a causa della casella Ministro dell'Economia riempita dall'antieuropeista Savona, Di Maio grida addirittura all'impeachment del presidente della Repubblica. In una telefonata alla trasmissione Che tempo che fa di Fazio, dice con veemenza:

"Se andiamo al voto e vinciamo poi torniamo al Quirinale e ci dicono che non possiamo andare al governo. Bisogna mettere in Stato di accusa il Presidente. Bisogna parlamentarizzare tutto anche per evitare reazioni della popolazione".


Per saperne di più:

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Di Maio e i riders, le cose da sapere

Il ministro del lavoro promette più tutela ai ciclofattorini che fanno consegne nelle città e ha aperto un tavolo di contrattazione

Jobs Act, così Di Maio vuole cambiarlo

Il neo ministro del lavoro promette di correggere l’ultima riforma del welfare. Ma, in realtà, si riferisce ad altre misure precedenti

Movimento 5 Stelle: dal Vaffa al partito di Di Maio (e di governo)

Con il governo Conte, viene messo sotto il tappeto il carattere protestatario della formazione creata da Beppe Grillo. Il capo politico ha un potere quasi assoluto e si appresta a sedare il dissenso interno regalando un po' di poltrone

Commenti