Beppe Grillo cita Forrest Gump

"Sono un po' stanchino" scrive il leader del M5S riproponendo la frase del protagonista del noto film

Grillo

La foto tratta dal blog di Beppe Grillo, un fotomontaggio che ritrae il leader del Movimento 5 Stelle nei panni di Forrest Gump, Roma, 28 novembre 2014 – Credits:

Redazione

-

Campo largo che si stringe su Forrest
 Gump, primo piano sul suo volto barbuto e la battuta ormai 
diventata un cult per gli amanti del cinema: "Sono un po'
 stanchino". Beppe Grillo l'ha presa in prestito per fare un mezzo passo indietro e chiamare a "collaborare" con lui un
 gruppo di cinque parlamentari. Una battuta che, sebbene il film 
interpretato da Tom Hanks risalga al 1994, è conosciuta a tutti
 gli amanti del cinema: vinse ben sei Oscar.

La frase viene pronunciata da Forrest Gump al termine di una 
maratona durata anni che lo porta dalle sponde dell'Oceano
 Atlantico a quelle del Pacifico. Le citazioni cinematografiche 
sono una passione del leader M5S che sui suoi post le usa con
tanto di fotomontaggi dove spesso i volti dei protagonisti
 viene sostituito dal suo, come oggi, o da quello degli avversari
 che vuole colpire.

Ma Grillo non è il solo e sembra aver contagiato altri nel
 M5S. Oggi il professor Paolo Becchi, ideologo del movimento, ha
 citato un altro film cult del 1994: Pulp Fiction. Uno dei
 personaggi più noti della commedia splatter di Quentin
 Tarantino è interpretato da Samuel L. Jackson: si tratta di un
 killer che prima di "freddare" le sue vittime recita un versetto 
del profeta Ezechiele tratto dalla Bibbia. Oggi, Becchi l'ha
 citato per "giustificare" le espulsioni nel M5S.

(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Beppe Grillo e i deliri sulla mafia

La mafia "aveva una sua condotta morale" ha dichiarato ieri il leader del M5s. Oggi Di Battista gli ha fatto eco. È esplosa la polemica

Grillo e la mafia: "Che il leader del M5s torni a studiare"

Secondo il professor Giuseppe Carlo Marino la provocazione dell'ex comico potrebbe essere interpretata da Cosa Nostra come un segnale di disponibilità

Beppe Grillo: in morte politica di un attore

La perdita di consenso del leader del M5s è verticale. Il pagliaccio della politica si è trasformato in Pierrot

Commenti