Se Letta fa come Prodi nel 1998
Claudio Onorati /ANSA
Se Letta fa come Prodi nel 1998
News

Se Letta fa come Prodi nel 1998

La tentazione del premier in carica di farsi sfiduciare in parlamento prende quota. Il commento - Fotostoria - Sondaggio

Lassù, sul colle più alto, attendono gli eventi. Dai paraggi del Quirinale in attesa della sfida all’OK Corral tra Matteo Renzi e Enrico Letta (che non andrà alla direzione) in diretta streaming, intanto, arrivano spifferi secondo i quali se Letta non si dimette, Giorgio Napolitano non potrà certo negargli di presentarsi alle Camere. La tentazione del premier in carica è insomma proprio quella, secondo le indiscrezioni raccolte, è quella di andare in parlamento anche a costo di farsi sfiduciare come Prodi nell'ottobre del 1998 e costruirsi così un'aurea da martire da spendere sullo scacchiere politico, fino chissà al Colle più alto.

Dai dintorni di «Re Giorgio» smentiscono che il presidente voglia favorire la staffetta e quindi il Renzi uno, sottolineano solo che se i due litigano in modo così cruento, il presidente non può che aspettare gli eventi. E comunque sia se Letta resiste e chiede il voto delle Camere, Napolitano, che ha sempre «anteposto le istituzioni al partito» (come scrivono tanti suoi biografi, a cominciare dal numero uno Paolo Franchi) come potrà negare il passaggio parlamentare? A costo di una sfiducia? Perché questo Letta rischia se va in aula. Sembrerebbe di sì. Questione di poco più di un’ora e lo sapremo.  

Ti potrebbe piacere anche

I più letti