Esteri

Trump chiese all'Fbi di fermare le indagini su Russiagate

Un memo dell'ex direttore Comey inguaia ancora di più il presidente. La Camera chiede i documenti al Bureau per vederci chiaro. McCain: come il Watergate

james-comey-fbi

Luigi Gavazzi

-

Per Donald Trump la situazione si fa ogni giorno più difficile.

Martedì sera 17 maggio è arrivato un altro pesantissimo colpo: il
New York Times ha rivelato che il presidente avrebbe chiesto a James Comey, il direttore dell'Fbi, di fermare e chiudere l'indagine su Michael Flynn, il consigliere per la sicurezza nazionale coinvolto nel Russiagate.

L'informazione è contenuta in un memo scritto dallo stesso Comey, immediatamente dopo l'incontro con il presidente alla Casa Bianca.

L'incontro è avvenuto il 14 febbraio, il giorno successivo alle dimissioni di Flynn.

Perché il memo di Comey è così importante

Il memo di Comey, che sarebbe stato poi licenziato da Trump dalla guida Bureau il 9 maggio, è una prova significativa delle pressioni esercitate dal presidente sul Dipartimento di Giustizia e sull'Fbi per frenare le indagini sui rapporti con la Russia degli uomini dell'amministrazione.

Poche ore dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, e la successiva smentita della Casa Bianca, il Comitato della Camera dei Rappresentanti di Washington che effettua la supervisione sulle attività di intelligence degli Stati Uniti, ha chiesto all'Fbi di consegnare tutti i documenti - "memoranda, notes, summaries and recordings" - relative alle discussioni fra Trump e Comey.

La richiesta è firmata da Jason Chaffetz, presidente del Comitato e repubblicano dello Utah.

Il Comitato della Camera sta conducendo le indagini sul Russiagate. Chaffetz nella richiesta ha scritto che i documenti richiesti potrebbero suscitare domande relativamente al fatto che Trump possa aver cercato di influenzare o ostacolare" l'Fbi.

Anche Paul Ryan, lo speaker repubblicano della Camera ha sostenuto la richiesta di Chaffetz.

Il senatore repubblicano John McCain, ha definito la faccenda delle indagini sul Russiagate e il comportamento di Trump uno scandalo che sta assumendo le dimensioni del Watergate.

Secondo quanto riportato dal New York Times, nel memo Comey ha scritto che Trump nell'incontro avrebbe detto:

"I hope you can see your way clear to letting this go, to letting Flynn go. He is a good guy. I hope you can let this go." (Spero tu riesca a trovare il modo di lasciar cadere questa cosa, di lasciar stare Flynn. È una brava persona. Spero tu possa lasciar perdere").

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Trump: "Le informazioni segrete condivise con la Russia? Un mio diritto"

In un tweet, il presidente Usa ha confermato le indiscrezioni del Washington Post sulle rivelazioni top secret al ministro degli Esteri russo

Trump, l'impeachment non è più solo una fantasia

Il Russiagate precipita l'amministrazione in una profonda crisi di credibilità. Per i bookmakers la data probabile è Natale

I media Usa: "Trump ha rivelato ai russi informazioni top secret sul terrorismo"

Usa: perché il caso Comey è peggio del Watergate

Il parere di Carl Bernstein che con Bob Woodward fece dimettere il presidente Nixon. "Lui era un criminale, Trump vuole nascondere la verità"

La doppia minaccia di Trump: prima Comey poi la stampa

Il tycoon sempre più in difficoltà per il Russiagate si scaglia con l'ex capo dell'Fbi e poi ipotizza di cancellare le conferenze stampa alla Casa Bianca

Cos'è il Russiagate: parole, personaggi, intrecci

Da Abramson Seth a Witch Hunt passando per "I love it": 35 voci che spiegano le relazioni pericolose dell'amministrazione Usa con Putin e il suo staff

Commenti