Esteri

Salah Abdeslam (per ora) non racconta nulla al giudice francese

Il terrorista superstite degli attentati di Parigi di novembre sceglie il silenzio. "Parlerà più avanti" dice il suo difensore

parigi-attentati

Redazione

-

Salah Abdeslam non parla. Almeno per ora.

Nel primo interrogatorio davanti alla giustizia francese del terrorista superstite del commando responsabile degli attentati di Parigi del 13 novembre, e legato alla cellula di quelli di Bruxelles del 22 marzo.
 

Salah "non ha voluto esprimersi oggi", dicendo che "lo farà più avanti". Lo riferisce uno dei suoi legali, Frank Berton.

 

"Salah Abdeslam ha fin dall'inizio fatto valere il suo diritto al silenzio, rifiutandosi di rispondere alle domande del giudice istruttore - ha precisato la procura di Parigi. Ha ugualmente rifiutato di precisare le ragioni che lo portano a fare un tale uso del suo diritto al silenzio. Ha rifiutato allo stesso modo di confermare le dichiarazioni che aveva precedentemente rilasciato davanti alla polizia e davanti ai giudici belgi".

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Salah Abdeslam: ecco perché a Parigi non mi sono fatto esplodere - Foto e Video

L'interrogatorio del terrorista arrestato a Molenbeek il 18 marzo, kamikaze mancato il 13 novembre 2015, membro della cellula della strage di Bruxelles

Attentati di Parigi: chi sono tutti i terroristi coinvolti

Gli assassini del 13 novembre e quelli del blitz di Saint Denis: la cellula jihadista che ha terrorizzato la Francia

Da Parigi a Bruxelles: quanti parenti ha la jihad

Due fratelli tra gli attentatori di Bruxelles? Non è la prima volta. Anche moglie mariti, e cugini. Come Panorama aveva spiegato lo scorso dicembre

Ecco l'attentato kamikaze al Comptoir Voltaire di Parigi

Attentati di Parigi: tre nuovi sospetti fermati a Bruxelles

Gli arresti sono avvenuti durante una perquisizione in un quartiere residenziale del capoluogo belga

Commenti