Scomparso il re della Thailandia, Bhumibol Adulyadej, dopo ben 70 anni di regno, nella classifica dei reali che sono saliti al trono restandoci più a lungo adesso si aggiudica il primo posto la Regina Elisabetta II.

LEGGI ANCHE: Thailandia, è morto il re Bhumibol Adulyadej: sul trono per sette decenni


Quello della sovrana britannica è ad oggi il regno più lungo, 64 anni e quasi 300 giorni. Nata il 21 aprile 1926, salì al trono del Regno Unito il 6 febbraio 1952, succedendo al padre, Re Giorgio VI. Il 9 settembre 2015 il suo regno ha superato in durata quello della propria nonna, la regina Vittoria, sul trono dal 1837 al 1901. Elisabetta è anche regina di 15 stati del Commonwealth.

La hit dei regnanti più longevi sul trono vede Elisabetta seguita dal sultano del Brunei, Hassanal Bolkiah, 70 anni, uno degli uomini più ricchi del pianeta. Settantenne, regna dal 1967.

In Oman, invece, regna dal 1970 il sultano Qaboos, che avviò un percorso di riforme e di amicizia con Teheran. La sua salute è precaria e dal 2014 è stato diverse volte ricoverato in Germania.

Tornando in Europa, la palma del regno più "longevo" spetta, oltre che a Elisabetta, alla regina Margherita II di Danimarca, 76 anni, regnante da 44 anni, e a re Carlo XVI Gustavo, 70 anni, salito al trono di Svezia nel 1973.

Il più lungo regno nella storia del Vecchio Continente fu quello francese di Luigi XIV: il re Sole sedette sul trono per ben 72 anni, tra il 1643 e il 1715, mentre l'imperatore Francesco Giuseppe I vi rimase per 68 anni, dal 1848 al 1916.

Il più lungo regno nella storia di tutto il pianeta fu quello di Sobhuza, sul trono africano dello Swaziland per 82 anni e 254 giorni dal 1899 al 1982. Fu proclamato re all'età di quattro mesi, ma l'incoronazione avvenne nel 1921. Contrasse numerosi matrimoni ed ebbe oltre 500 figli.

© Riproduzione Riservata

Commenti