Dal Mondo

India rilancia «Hitler», la marca di un nuovo gelato

La Rubrica - Appuntamento in Piazza

Da qualche settimana in India viene commercializzato di nuovo un gelato chiamato «Hitler» (era stato già prodotto nel 2015) . Non ci credete? Guardate questa foto dove si vede un uomo che orgogliosamemente tiene in mano il suo gelato con a fianco una scatola dove si vede l’immagine del Führer. Ma come è possibile che a qualcuno sia venuto in mente di fare una cosa simile? Come è possibile che all’uomo che decise di sterminare sei milioni di ebrei venga dedicato addirittura il marchio di un gelato? Il problema in India è che le conseguenze degli atti di Adolf Hitler e dell'Olocausto sono troppo poco conosciute. Le sue azioni sono così oscure per loro che lo «Zio Adolf» è considerato una sorta Darth Vader. Ma il cattivo gusto non finisce qui. Puoi anche vederlo declinato nei personaggi dei cartoni animati. Non è solo un problema indiano perché in Indonesia c'è un caffè-museo con il tema del partito nazista. Secondo il suo creatore, non ci sarebbe alcun pensiero ideologico dietro tutto questo…

Qatar: mortoYūsuf al-Qaraāwī predicatore fondamentalista

Si sono tenuti a Doha (Qatar) i funerali del predicatore islamico Yūsuf al-Qaraāwī morto lunedi scorso all’età di 96 anni. Alle esequie hanno partecipato migliaia di persone, comprese le massime autorità dell’emirato e i dirigenti del gruppo terrostico Hamas. Con la sua morte la Fratellanza musulmana perde una delle sue più autorevoli guide, oltre che punto di riferimento sul piano spirituale, politico e religioso. Feroce antisemita, ha sempre avuto la capacità di esprimere concetti orrendi mantenendo la calma come fece ad esempio il 30 gennaio 2009, parlando al canale Al-Jazeera, ha dichiarato: «Nel corso della storia, Allah ha imposto agli ebrei persone che li hanno puniti per la loro corruzione. L'ultima punizione fu amministrata da Hitler. Prima di tutto ha fatto loro - e sebbene gli ebrei abbiano esagerato i fatti - è riuscito a metterli al loro posto. Era una punizione divina. Se Allah vorrà, la prossima volta sarà per mano dei credenti».

Tibet: abusi sessuali, percosse. Denunciato il silenzio di figure del buddismo

In Buddismo, la legge del silenzio (JC Lattès), i giornalisti Élodie Emery e Wandrille Lanos hanno indagato su alcuni dei centri buddisti tibetani che si sono diffusi in Occidente negli ultimi quarant'anni. Hanno raccolto «le testimonianze di trentadue discepoli maltrattati, prendendo di mira tredici maestri diversi», in diversi paesi occidentali, portando alla conclusione che c'erano «gravi derive» nella pratica di alcuni maestri, o lama. I bambini sono stati sottratti ai genitori e maltrattati, le ragazze sono state costrette a diventare «dakini», partner sessuali di un padrone deviato. Alcuni casi citati sono già stati documentati. È il caso del maestro Sogyal Rinpoche, morto nel 2019, che ha fondato Rigpa, una rete di 130 centri spirituali. Accusato da otto ex discepoli di violenza sessuale, tra le altre cose, è stato «disonorato» nel 2017 dal Dalai Lama e costretto al ritiro forzato. Si segnalano in particolare i «40 anni di silenzio» del Dalai Lama, nonostante fosse stato avvertito nel 1993 di «comportamenti abusivi da parte di maestri» nei confronti dei discepoli, nel corso di un incontro (filmato e riesumato nel documentario) che si tenne a Dharamsala con maestri europei e americani.

India: donna musulmana si finge indù per 12 anni di matrimonio, poi minaccia di decapitare il marito se non si converte all'Islam

Un uomo nella zona di Shahnawazpur (India) ha presentato una denuncia alla polizia dopo che sua moglie sposata 12 anni fa, che all’epoca aveva detto di chiamarsi Pooja con rito indù, si è invece rivelata una donna musulmana di nome Hasina Bano. Hasina e la sua famiglia hanno costretto la vittima identificata come Jagbir Kori a convertirsi all'Islam e hanno anche minacciato la decapitazione, come riportato da India Today. Secondo il rapporto, quando Jagbir aveva incontrato Pooja, alias Hasina, sosteneva di essere indifesa. Jagbir e la sua famiglia la portarono a casa e poco dopo sposò Pooja. Hanno un figlio e una figlia. Jagbir ha anche menzionato nella sua denuncia che, resistendo ai presunti tentativi di conversazione di Hasina e della sua famiglia, hanno contattato un sicario locale identificato come Naseer per costringerlo a convertirsi all'Islam.

I più letti