"Così il fondamentalismo islamico si sta infiltrando in Europa"
Epa
Dal Mondo

"Così il fondamentalismo islamico si sta infiltrando in Europa"

Saïda Keller-Messahli e il progressivo avanzamento della jihad nel Vecchio Continente. Che fatica a comprendere a fondo il rischio che corre

Saïda Keller-Messahli è una giornalista freelance, scrittrice e attivista per i diritti umani svizzero-tunisina. È la fondatrice e presidente del Forum per un Islam progressista e ha ricevuto il Premio svizzero per i diritti umani nel 2016.

Con la guerra in Ucraina, le attività dei fondamentalisti islamici in Europa, in particolare quelle legate al proselitismo e al finanziamento, non fanno più notizia. In diverse occasioni lei ha denunciato il rafforzamento delle reti islamiste nel Vecchio Continente. A che punto siamo nella lotta contro questo fenomeno?

"Anche la guerra in Ucraina ha fatto comodo agli islamisti. Hanno una forte presenza in Ucraina, dove offrono i loro servizi "umanitari" alla popolazione musulmana. Non dimentichiamo che l'1% della popolazione ucraina è musulmana, circa 500.000 persone. Dall'inizio della guerra, sono stati formati diversi battaglioni musulmani, principalmente da soldati ucraini, ma anche da caucasici, ceceni e tatari di Crimea. Hanno invocato la jihad contro la Russia e diversi imam e cappellani hanno seguito questo appello. L'attività di lobby - e quindi di finanziamento - in Europa per questa jihad è molto viva, soprattutto attraverso il Forum musulmano europeo, il cui presidente è il russo Abdul-Wached Nijasow. Questa è forse l'ironia della sorte: quando la jihad è condotta contro la Russia e per l'Ucraina, diventa accettabile e quindi un argomento di cui i media europei non parlano".

Lei ha più volte denunciato pubblicamente la penetrazione dei Fratelli Musulmani nelle istituzioni e nei partiti politici, in particolare tra i socialisti e i verdi in diversi Paesi europei. In quali Paesi questo fenomeno è più marcato e come si realizza?

"Il fenomeno dell'"entrismo" si osserva un po' ovunque in Europa. I partiti di sinistra - in particolare i Verdi e i Socialisti - sono tradizionalmente solidali con i Paesi del Terzo Mondo che hanno sofferto sotto il colonialismo europeo e l'imperialismo americano".

Questo senso di colpa nei confronti di questi popoli, dove l'Islam è spesso la religione maggioritaria, porta la sinistra a solidarizzare con chiunque in Europa si dichiari vittima di razzismo e discriminazione o, più semplicemente, vittima di "islamofobia" da parte della società europea.

"Il riflesso politico della sinistra è quello di essere paternalista nei confronti delle persone provenienti da questi Paesi. Vuole proteggerli a tutti i costi e agire come loro difensore. Non si fa distinzione tra l'Islam come religione e l'islamismo come ideologia totalitaria e misogina. Gli islamisti, coloro che perseguono un progetto politico basato sull'Islam, sono anche abili nel presentarsi alla sinistra come semplici musulmani, vittime del razzismo. È così che le organizzazioni della società civile, i partiti politici e spesso le organizzazioni statali spalancano loro le porte".

Cosa vogliono ottenere, la trasformazione della nostra società?

"Ogni aderente all'ideologia islamista, sia esso sciita o sunnita, sogna un'organizzazione della società secondo i precetti della legge islamica, la Sharia. Il suo sogno è uno Stato islamico, uno Stato in cui la legge viene da Allah e non dagli esseri umani. Non riconosce la legge democratica, ma solo quella divina. L'islamista è una persona dalla doppia personalità: sfrutta la democrazia ora con l'obiettivo di abolirla in futuro. Si unisce a organizzazioni democratiche in nome della "diversità" per perseguire un progetto che esclude tutte le diversità religiose, sociali, sessuali e di altro tipo".

Come donna musulmana, può spiegare perché i fondamentalisti odiano così tanto le donne da volerle rinchiudere in casa, senza diritti e sottomesse agli uomini?

"Questo trattamento delle donne è tutt'altro che un segno di potere, è un segno di profonda angoscia. Gli uomini hanno paura delle donne. Gli uomini che sanno reagire alle donne solo con la violenza hanno un grave deficit psicologico. La fonte di questo deficit risiede nell'educazione e nella socializzazione dei ragazzi musulmani, che alimenta quest'ansia. Questa socializzazione è molto spesso legata alla violenza. La violenza fa purtroppo parte dell'infanzia ed è ampiamente accettata come mezzo per disciplinare i bambini. Inoltre, la socializzazione trasmette immagini di ragazze e donne di valore inferiore rispetto a quelle di ragazzi e uomini. Il solo fatto di essere un ragazzo o un uomo conferisce a un ragazzo non solo diritti e libertà, ma anche un certo prestigio che una ragazza o una donna non hanno. Se una ragazza o una donna vuole avere gli stessi diritti e libertà, la sua famiglia o il suo ambiente fondamentalista le faranno pagare un prezzo molto alto. Spesso con la vita".

Perché secondo lei l'Occidente non reagisce? Perché lasciamo che queste persone inquinino la nostra società e la convivenza pacifica tra persone di ogni credo?

"I governi occidentali hanno spesso tollerato e persino sostenuto forze oscurantiste: islamisti e jihadisti di ogni tipo. La Svizzera, ad esempio, ha sempre sostenuto i fratelli musulmani, dando loro asilo politico quando Paesi un tempo laici come Egitto, Siria, Iraq e Libano li avevano perseguiti. Molti altri Paesi hanno fatto lo stesso: Regno Unito, Germania, Belgio, Scandinavia, Austria, ecc. Per decenni - almeno dagli anni '80 - gli islamisti hanno lavorato in Europa per organizzarsi e aumentare il loro peso politico. Hanno creato una serie di organizzazioni di pressione, anche per i prigionieri musulmani (vedi CAGE), che servono a separare i musulmani dal resto della società e a rendere impossibile l'integrazione sociale. Hanno finanziato e reclutato jihadisti per l'Afghanistan, la Bosnia, la Siria, l'Algeria, ecc. e sono persino tornati in Europa dove hanno continuato a seminare il terrore (vari attentati dagli anni '90). Li lasciamo fare o per osservarli (come la recente manifestazione di Hizb ut-Tahrir al-Islami (gruppo pan-islamico e fondamentalista) ad Amburgo o perché non abbiamo il coraggio di agire contro di loro (come la recente manifestazione sciita in occasione dell'Ashoura nel centro di Zurigo) per paura che si rivoltino contro il Paese ospitante".

I musulmani che sono le prime vittime di questa interpretazione demenziale del Corano non sembrano in grado di reagire con fermezza. Perché?

"La stragrande maggioranza dei musulmani in Europa purtroppo tace. Non vogliono essere coinvolti nella politica, soprattutto non contro gli islamisti. Nei miei colloqui privati con i musulmani ho notato che hanno paura degli islamisti, sanno che sono persone violente. Non appena li si critica, iniziano a intimidire le persone con ogni mezzo necessario. Lo si può vedere proprio ora in Francia con il divieto dell'abaya nelle scuole. Vediamo ragazze vestite in abiti salafiti (con il nikab) che accusano la società di "islamofobia" e dietro di loro vediamo un gruppo di noti islamisti (come Elias d'Imzalene, nella lista S) che le sostengono a distanza. La loro presenza è una dimostrazione di sostegno alle ragazze in nikab nello spazio pubblico, ma anche una minaccia indiretta a chi osa criticarle".

I più letti