Redazione

-

Papa Francesco ha aperto la Porta Santa della Carità nell'Ostello della Caritas diocesana "Don Luigi di Liegro", in Via Marsala, vicino alla Stazione Termini di Roma. "È questa la porta del Signore", ha detto il Papa nel rito di apertura sullo spazio antistante: "Apritemi le porte della giustizia", quindi "Per la tua grande misericordia entrerò nella tua casa Signore", ha aggiunto prima di spingere la porta, varcare la soglia sovrastata dal mosaico con l'icona del Giubileo ed entrare all'interno della mensa Caritas, dove ha celebrato la messa.

Nella processione verso la Porta Santa sul piazzale antistante l'Ostello e la mensa Caritas, papa Francesco, con quattro ospiti dell'ostello che portavano la croce, il messale e i candelieri, era accompagnato da mons. Enrico Feroci, direttore della Caritas diocesana, e tre sacerdoti collaboratori dell'organismo: don Giorgio Gabrielli, don Danilo Priori, don Donato Palminteri. L'animazione della Messa è stata curata dagli ospiti della Caritas. Per espressa volontà di papa Francesco alla celebrazione eucaristica partecipano esclusivamente gli ospiti delle strutture di accoglienza accompagnati da alcuni volontari e operatori. Assistono alla liturgia, nel piazzale esterno, altre 500 persone tra volontari e animatori Caritas.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Giubileo: Papa Francesco apre la Porta Santa

Giubileo: Fiat Lux, lo spettacolo della natura sulla basilica di San Pietro

Le immagini di animali e specie a rischio sono state proiettate sulla basilica e sul portico. Hanno assistito 100mila spettatori

Giubileo, l'apertura delle Porte Sante - Foto

Da Bangui a San Pietro, dalle diocesi italiane a quelle del mondo: porte "aperte alla giustizia e alla misericordia"

Commenti