Renzi, il nuovo Bettino (più feroce)
Renzi, il nuovo Bettino (più feroce)
News

Renzi, il nuovo Bettino (più feroce)

Per il sondaggista Roberto Weber il decisionismo di Renzi ricorda Craxi. Con una differenza: il cinismo della generazione 2.0.

Roberto Weber è uno dei più quotati sondaggisti italiani. Per molti anni dirigente della Swg di Trieste, ora ha un istituto tutto suo, l’Ixè.

Giampaolo Pansa si chiede: ma che uomo è Matteo Renzi? Vuole rispondere?

È un uomo di questa stagione. E francamente non so dire se è proprio un bene.

Può definire l’«uomo di questa stagione»?

È uno che prende di petto le questioni, e anche con una buona dose di coraggio e sicurezza di sé. Promette discontinuità, cosa che molti italiani vorrebbero. E alla capacità di rottura, unisce quella del linguaggio: sa inverare il messaggio in una battuta.

«Li asfaltiamo», o «li rottamiamo»...

Esatto. Gli rimproverano di essere un democristiano. Ma non è vero. Semmai, è un craxiano. Non c’è mai stato un altro Bettino Craxi prima di Matteo Renzi.

Però non sa se è un bene, diceva. Perché?

Perché questo, che all’apparenza sembra un punto di forza, potrebbe essere proprio il suo punto debole. Non è vincolato in alcun modo al passato. Riproduce modelli e format decisionistici che sono quelli del «basta, si va». Ma dove? O del «basta, si fa». Ma che cosa?

Qualcosa che proprio non le piace di Renzi?

Non «si farà» senza partiti, perché i partiti sopravvivono ai leader.

Vuol dire che continua a sottovalutare l’importanza del partito?

Non la sottovaluta, ma costringe il partito alla congiuntura attuale, piegandolo al suo messaggio. Personaggi così alla fine lasciano il deserto alle proprie spalle. E poi ho un timore: la mancanza del fattore umano.

Fattore umano?

Sì, quella fragilità, quell’insicurezza che la gente comune ha per la situazione di profondo disagio in cui vive e che tende a proiettare nella figura del leader. Renzi ha rapidità, forza e intelligenza. Ma gli manca questa umanità che deriva dai problemi di tutti i giorni.

Perché, secondo lei?

Perché, come dicevo prima, è della generazione di questo tempo. Una generazione emersa attraverso meccanismi selettivi tra i più feroci. L’unica cosa che conta è la battaglia, quindi l’annientamento dell’altro.

Leggi Panorama Online

Ti potrebbe piacere anche

I più letti