Musica

Grateful Dead: torna al cinema l'acid rock

Sul grande schermo il concerto-evento della leggendaria band. Dal 7 luglio, in edicola con Panorama, la raccolta definitiva: "The Best Of Grateful Dead"

Digipack Chiuso Grateful Dead unico

Gianni Poglio

-

Tornano i Grateful Dead con un imperdibile evento nel nome del rock psichedelico: in diretta via satellite nei cinema di tutto il mondo dal Soldier Field di Chicago lunedì 6 luglio alle ore 19.30.

Il giorno successivo in edicola con Panorama a 12,90 euro (rivista esclusa) il doppio cd The Best Of Grateful Dead, la raccolta definitiva per riscoprire il sound degli eroi della cultura hippie. Tra i brani in scaletta, Sugar Magnolia, Dark Star e Friend of the devil.
 
Tornando al grande schermo, sul palco di Chicago ci saranno i quattro componenti originali dei Grateful Dead, Mickey Hart, Bill Kreutzmann, Phil Lesh, e Bob Weir, assieme ad ospiti straordinari: Trey Anastasio, Jeff Chimenti e Bruce Hornsby (per informazioni nexodigital.it/)

Eroi incontrastati della controcultura hippie, i Grateful Dead sono una delle band simbolo della storia del rock americano, fra gli artisti fondamentali di quello che veniva chiamato acid rock (il loro paroliere, il poeta Robert Hunter, è stato tra i primi sperimentatori degli effetti allucinogeni dell’Lsd e della mescalina).

Capitanati fino al 1995 (anno della sua scomparsa) da uno straordinario leader carismatico come l’autore, cantante e chitarrista Jerry Garcia (morto negli anni Novanta), i Dead, come li chiamano affettuosamente i fan, hanno inciso una discografia sterminata fatta di 24 album di studio, svariate raccolte e innumerevoli album live.

La dimensione live è proprio quella più congeniale al gruppo che per molti anni, pur non incidendo dischi, non ha comunque mai mancato di esibirsi dal vivo accrescendo la fama di band leggendaria. I Grateful Dead sono stati sempre celebrati per il loro stile eclettico, che li portava a tenere concerti all’interno dei quali erano presenti lunghe improvvisazioni strumentali che spesso trasportavano un brano nel brano successivo.

Il concerto di Chicago sarà una lunga cavalcata attraverso lo sterminato repertorio della band e vedrà scorrere tutti i loro grandi classici, da Truckin a Touch of grey, da Casey Jones a Friend of the devil fino a Sugar Magnolia.
 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pink Floyd, The Endless River: la recensione

Nei negozi il nuovo attesissimo album dei Pink Floyd, a vent'anni di distanza da "The Division Bell"

Pink Floyd, "The Endless River" è tra noi: il verdetto

Suggestioni, visioni, ricordi e autocitazioni nel disco che chiude un'era della musica: il miglior album del 2014

Commenti