Appiolaza moschino
(Moschino)
Personaggi

Adrian Appiolaza è il nuovo Direttore Creativo di Moschino

Con un bagaglio di esperienze straripante di grandi nomi, da Phoebe Philo a Marc Jacobs e Miuccia Prada,lo stilista argentino trova finalmente il suo palcoscenico

Dopo dieci anni passati al fianco di J.W. Anderson come Design Director per il prêt-à-porter di Loewe, l’argentino Adrian Appiolaza approda alla direzione creativa del marchio fondato da Franco Moschino.

Appiolaza vanta un bagaglio di esperienze da sogno per ogni aspirante designer: ha lavorato due anni al fianco di Clare Waight Keller per Chloé, prima ancora altri due anni per Louis Vuitton sotto la direzione di Marc Jacobs e infine quattro anni sotto Miuccia Prada da Miu Miu nel 2006.

Così Massimo Ferretti, Presidente Esecutivo di Aeffe S.p.A., commenta l’arrivo del nuovo direttore creativo: «Siamo felici e onorati di dare il benvenuto nella famiglia Aeffe ad Adrian. Con il suo arrivo in Moschino, Adrian porta con sé un bagaglio unico di creatività e conoscenza della storia della moda che permetterà di scrivere un nuovo meraviglioso capitolo nell’avventura del brand fondato da Franco Moschino. Sono rimasto immediatamente colpito dalla creatività esplosiva di Adrian, una personalità piena di energia ed entusiasmo, elementi che da sempre hanno contraddistinto la storia e il percorso di Moschino. Ad Adrian il mio più grande augurio di costruire con noi una grande storia di successo».

Appiolaza nasce a Buenos Aires nel 1972; lo stilista argentino racconta che la passione per la moda nasce grazie al suo interesse per la musica, spingendolo così a trasferirsi nel Regno Unito. Dopo aver conseguito gli studi presso il Central Saint Martins College dove viene notato da Phoebe Philo, e sarà lei stessa a chiedergli di seguirlo da Chloé nel 2002.

«Le giacche con le cartoline in 3D; l’abito con la gonna realizzata con 20 reggiseni; gli innumerevoli trompe-l’oeil: come creativo, e come collezionista, la lista delle creazioni di Franco Moschino passate alla storia del costume è pressoché infinita. L’essenza del suo talento, per me, è stata quella di abitare il suo tempo, sublimandone i pregi e ironizzando sui difetti. Un’operazione che ha compiuto con una invidiabile leggerezza, spalancando per tutti noi una finestra dalla quale immaginare, a modo nostro, il futuro. Sono profondamente grato a Massimo Ferretti per avermi permesso l’accesso al mondo di Moschino, così come l’ingresso in una casa nella quale i muri trasudano una storia che non vedo l’ora di ascoltare. Sono pronto a trasportare la Maison in un nuovo capitolo, con un tocco teatrale, in puro stile Moschino» afferma Adrian Appiolaza commentando l’inizio di questa nuova esperienza.

I più letti