Meizu Pro 6: perché può davvero competere con iPhone 6S e Galaxy S7
Courtesy of Meizu
Meizu Pro 6: perché può davvero competere con iPhone 6S e Galaxy S7
Tecnologia

Meizu Pro 6: perché può davvero competere con iPhone 6S e Galaxy S7

Design più sottile, 3D Touch e processore a dieci core. Meizu è pronta a stupire con il nuovo smartphone Android

Nel panorama dei produttori cinesi di telefonia mobile Meizu non è più una sorpresa. L’ultimo Pro 5 aveva messo in mostra tutti i punti di forza della compagnia orientale, i cui prodotti erano stati etichettati in passato solo come brutta copia degli iPhone. Ieri è stato presentato il Pro 6, uno smartphone che ricorda ancora da vicino il design del melafonino ma che sotto sotto acquisisce caratteristiche davvero interessanti.

Tra le tante il 3D Press, tecnologia molto simile al 3D Touch di Apple con cui è possibile toccare con decisione più parti dello schermo per attivare menu contestuali. Ma non solo: Meizu Pro 6 è il primo cellulare con un processore deca-core che, dovrebbe assicurare prestazioni maggiori e un consumo energetico più bilanciato. Può davvero competere con iPhone 6S e Galaxy S7? Freccia a destra per scoprirlo!

Design

Courtesy of Meizu

Il Meizu Pro 6 è simile all’iPhone 6S Plus, almeno frontalmente ma in misura minore di quanto lo fosse il modello precedente. Lo chassis resta in un corpo unico in metallo ma il vetro ora è arrotondato in prossimità dei due lati, donando un effetto diverso dall’ispirazione di Cupertino e con una cornice decisamente più stretta. Certo, non è “edge” nel senso del Galaxy S7 ma resta comunque un bel vedere. Esteticamente ha la porta USB di Tipo-C, un ingresso per jack audio classico e, davanti, il pulsantino Home che svolge due funzioni principali: premendolo per un secondo si torna alla Home, toccandolo leggermente si ha la funzione “Indietro”, di solito presente su Android con un bottone a sé. 

Display e 3D Press

È da 5.2 pollici Full HD Super Amoled da 2.5D (ovvero curvo ai lati) con risoluzione da 423 ppi. Bello da vedere, proprio come il Meizu Pro 5 e con una luminosità massima discreta, non così alta come altri. Sotto il vetro dello schermo adesso vi sono una serie di sensori che rendono possibile il tocco aggiuntivo, proprio come su iPhone 6S, per attivare funzioni estese. L’attivazione dei menu contestuali riguarda sia applicazioni e scorciatoie di sistema che app supportate da scaricare dal Play Store.

Hardware

Courtesy of Meizu

Il Meizu è il primo smartphone al mondo con processore deca-core. Nello specifico si tratta di un MediaTek Helio X25 che ha 2 core a 2,3 GHz, 4 core a 2 GHz e 4 core a 1.4 GHz. A che serve tanta potenza? In realtà non solo a far diventare il telefonino più performante ma anche a bilanciare meglio i consumi. Quando stiamo solo leggendo le email oppure navigando su siti poco onerosi in termini di richieste, entrano in gioco i core più bassi, mentre il top viene chiamato in causa durante giochi 3D e applicazioni più pesanti. La RAM è da 4 GB, la memoria interna da 32 o 64 GB non espandibile. Sul tasto centrale c’è sempre il lettore di impronte digitali e la batteria è da 2.560 mAh con supporto alla ricarica rapida. L’autonomia resta un punto carente visto che Huawei e Xiaomi sono andati oltre, arrivando a 3.000 mAh.

Fotocamera

Courtesy of Meizu

Il sensore è un Sony IMX230 da 21 megapixel con apertura focale f/2.2, autofocus laser e flash ad anello a 10 LED. Meizu ha svolto un ruolo primario nella costruzione della fotocamera, così da intervenire per renderla più piccola e performante. Ne riparleremo quando sarà possibile metterla all’opera.

Software

Flyme è la personalizzazione del sistema operativo, arrivata alla versione 5.5 e basata su Android Marshmallow. Il funzionamento è l’interfaccia sono sempre gli stessi: widget e icone di tutte le app installate sulle pagine visualizzate e nessun drawler come su tanti altri Android. La versione internazionale avrà il Play Store (mentre l’originale cinese no) e in Italia sarà localizzata dal distributore italiano Le.ali che effettua anche supporto ufficiale nel nostro paese.

Prezzi e disponibilità

Courtesy of Meizu

Meizu Pro sarà venduto in tre colorazioni: gold, black e silver. Non è dato sapere ancora quanto costerà in euro e quando lo si potrà comprare online, sul sito ufficiale www.meizumart.it. Sappiamo che negli USA si comprerà a circa 390 dollari nella versione da 32 GB, 430 dollari in quella da 64 GB; al cambio rispettivamente 350 e 390 euro.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti