Padoan: le imprese pagano troppe tasse. Ma...

Il ministro dell'Economia, in una lettera pubblicata su Panorama in edicola da giovedì 11 dicembre, risponde alle accuse rivolte al governo

Il Ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan – Credits: ANSA/ETTORE FERRARI

"In Italia le imprese che pagano tutte le tasse ne pagano troppe. La pressione fiscale sui contribuenti che si comportano lealmente con il fisco (e quindi con la comunità nazionale) è troppo alta e compromette tanto la competitività quanto la motivazione  a continuare a fare impresa, creare ricchezza e occupazione".

Lo scrive il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan in una lunga lettera pubblicata sul numero di Panorama  in edicola da giovedì 11 dicembre. Il ministro replica alle interviste rilasciate al settimanale dal presidente della Confindustria Giorgio Squinzi e dall’imprenditore  Fabrizio Castoldi, il quale lamentava il peso eccessivo di tasse sulla sua azienda. "Una  delle imposte più avversate dalle imprese è l’Irap", spiega Padoan, "invisa anche ai lavoratori perché rischia di penalizzare l’occupazione. Ebbene, il governo ha cancellato  (non rivisto, rimodulato, ridotto: ha cancellato) la componente dell’Irap calcolata sul costo del lavoro a tempo indeterminato a decorrere dall’1 gennaio 2015. Si tratta di un beneficio importante soprattutto per le imprese, come mi sembra che sia il caso illustrato da Castoldi, che impiegano una mano d’opera consistente. Secondo le stime  dei nostri uffici questa misura, chiesta da tempo dal mondo imprenditoriale, consentirà  un alleggerimento complessivo dell’Irap di ben il 30 per cento". 

Alle accuse rivolte al governo di non aver ridotto la pressione fiscale, il ministro risponde:  "Il bonus di 80 euro viene classificato da Eurostat come spesa sociale ma se  fosse classificato per ciò che è, vale a dire una riduzione delle imposte dei lavoratori, la  pressione fiscale in Italia si vedrebbe diminuire già nel 2014 dal 43,3 al 42,9 per cento".  "Sappiamo che per migliorare le condizioni in cui si fa impresa", continua Padoan,  "un fisco più semplice è condizione essenziale e per questo stiamo dando attuazione  alla legge delega per la riforma fiscale. Il decreto legislativo sulla semplificazione (che  contiene, tra l’altro, il modello 730 precompilato) è stato approvato dal Parlamento e  un altro decreto legislativo, quello che contiene disposizioni sulla certezza del diritto in materia tributaria, è ormai definito".

© Riproduzione Riservata

Commenti