iStock/erhui1979
Economia

Pensioni, quanto costa ritirarsi a 62 anni

Il governo istituirà la quota 100 che consente di mettersi a riposo 5 anni prima del previsto, rinunciando però a qualche centinaia di euro al mese

A riposo a 62 anni d'età e con 38 anni di contributi. E’ la prospettiva ormai all’orizzonte per centinaia di migliaia di lavoratori italiani. Nel 2019, il governo Lega-5 Stelle è intenzionato infatti a istituire la quota 100, un sistema che consente di ritirarsi dal lavoro non appena la somma degli anni di servizio e dell’età anagrafica supera una determinata soglia (fissata appunto a 100). Con questi requisiti, potrà andare appunto in pensione chi ha 38 anni di carriera e 62 anni di età, ma anche chi ha 63 anni all’anagrafe e 37 anni di servizio. Non potrà accedere alla quota 100, invece, chi ha 39 anni di contribuzione e 61 anni di età. Il governo sembra infatti intenzionato a fissare comunque una soglia minima di pensionamento a 62 anni per tutti. 

Meno contrbuti, assegno più magro

Chi rientra nei  nuovi requisiti  è pronto a godersi la tanto attesa pensione ma dovrà accontentarsi di un assegno più basso di quello che sarebbe maturato andando in pensione a 67 anni o con 42 e 43 anni di servizio, cioè con i requisiti previsti attualmente dalla Legge Fornero. Dal 1995, infatti, in Italia è entrato progressivamente in vigore il metodo contributivo, in base al quale l’importo dell’assegno pensionistico dipende dalla quantità di contributi versati e non più, com’era prima, dalla media degli ultimi stipendi percepiti prima di mettersi a riposo. Più  contributi si versa, più alta sarà la rendita. Al contrario, prima si va in pensione, più basso sarà l’assegno. 

Un esempio concreto

E’ proprio ciò che accadrà a chi intende mettersi a riposo a 62 anni anziché a 67. Ecco, di seguito un  esempio concreto. Si prenda il caso di un lavoratore con 62 anni di età, 38 anni di contributi e con uno stipendio di 30mila euro lordi all’anno (1.700 euro netti al mese). Andando in pensione nel 2019 e non nel 2024 (quando avrà 67 anni),  questo lavoratore rinuncerà a mettere da parte ben 10mila euro di contributi all’anno per un totale di 50mila euro in 5 anni.  I maggiori contributi avrebbero fatto crescere l’importo della pensione di oltre 220 euro lordi il mese, corrispondenti a circa 150 euro netti. Chi vuole godersi il riposo prima del previsto, insomma, deve accontentarsi di un assegno un po’ più magro. Questione di scelte. 

Per saperne di più


Ti potrebbe piacere anche

I più letti