Ansa/Franco Silvi
Economia

Modello 730: la guida alle novità di quest'anno

Dai figli a carico agli eredi tutto quello che c'è da sapere in vista della prossima dichiarazione dei redditi

Il nuovo modello 730 è stato approvato dall’Agenzia delle Entrate e prevede importanti novità.

Le novità del nuovo 730

A partire da quest’anno i lavoratori dipendenti e pensionati che presentano il modello 730  (anche nella sua versione precompilata) per dichiarare i redditi percepiti nell’anno fiscale precedente avranno una serie di novità da tenere in considerazione.

In primo luogo ci sono dei nuovi limiti per le detrazioni per i figli a carico (fino a 24 anni di età). Un figlio può essere considerato a carico se ha percepito un reddito inferiore ai 4.000 euro nell’anno fiscale in questione.

Agevolazioni green

Sono poi state introdotte nuove agevolazioni fiscali per chi ha effettuato interventi di bonifica ambientale su edifici e terreni pubblici. Il credito d’imposta, in questo caso, è del 65% sulle somme stanziate ed è dilazionato in tre quote annuali perché non può eccedere il 20% del reddito imponibile.

Vengono considerati interventi di bonifica ambientale la rimozione dell’amianto dagli edifici, la prevenzione e il risanamento del dissesto idrogeologico, la realizzazione o la ristrutturazione di parchi e aree verdi attrezzate e il recupero di aree dismesse di proprietà pubblica.

Sempre in tema green quest’anno è prevista una detrazione del 50% per chi acquista e realizza colonnine di ricarica per auto elettriche per un importo non superiore ai 3.000 euro lordi. E’ riconosciuto, poi, un credito d’imposta del 65% delle erogazioni per enti gestori o proprietari di impianti sportivi pubblici, nei limiti del 20% del reddito imponibile e quindi in tre quote annuali.

Nuovi tetti e limiti del reddito

Novità anche per i contribuenti che hanno trasferito la propria residenza in Italia a partire da aprile 2019. A seconda della regione in cui ci si è trasferiti i redditi da lavoro dipendente o assimilati concorrono alla formazione del reddito complessivo per il 30% o al 10%.

Esistono poi nuovi tetti e limitazioni anche per chi percepisce reddito da lezioni private con una tassazione sostitutiva del 15% da versare entro il termine per il pagamento dell’Irpef e viene portato a 800 euro l’importo massimo annuo delle spese per istruzione destinate alla detrazione.

Guerra al denaro contante

Cambia anche la modalità della dichiarazione dei redditi per persone decedute tra il 2019 e il 23 luglio 2020. Gli eredi, infatti, potranno presentare il modello 730 a condizione che la persona deceduta lo utilizzasse in vita.

A partire da quest’anno, inoltre, entra nel vivo la guerra al denaro contante e per poter detrarre al 19% una serie di spese comuni a molte famiglie i pagamenti dovranno essere effettuati sono con strumenti tracciabili che sia bancomat, carte di credito e bonifici bancari. Questo vale per le spese mediche, ma anche per il veterinario, per gli asili nido, per le spese sostenute per lo studio dei figli, per le badanti e per le assicurazioni auto.

Ti potrebbe piacere anche