Lavoro

Istat: disoccupazione all'11,5% in ottobre

Crescono ancora però quella giovanile, 39,8% e la stima degli inattivi, ora al 36,2%

istat_occupazione

Redazione Economia

-

Il tasso di disoccupazione a ottobre 2015 in Italia resta invariato all'11,5%, dopo il calo dei tre mesi precedenti.

L'Istat sottolinea anche che la stima dei disoccupati, nello stesso mese, diminuisce dello 0,5% (-13 mila); il calo riguarda le donne e la popolazione di età superiore a 34 anni.

Nei dodici mesi la disoccupazione cala invece del 12,3% (-410 mila persone in cerca di lavoro) e il tasso di disoccupazione di 1,4 punti.

Occupati
Dopo la crescita registrata tra giugno e agosto (+0,5%) e il calo di settembre (-0,2%), a ottobre 2015 la stima degli occupati diminuisce ancora dello 0,2% (-39 mila).

Il calo è determinato dagli indipendenti mentre i dipendenti restano sostanzialmente invariati. Il tasso di occupazione diminuisce di 0,1 punti percentuali, arrivando al 56,3%.
Su base annua l’occupazione cresce dello 0,3% (+75 mila persone occupate) e il tasso di occupazione di 0,4 punti.

Dipendenti
A trainare l'occupazione sono i lavoratori dipendenti, soprattutto se a tempo determinato, mentre si registra un crollo tra gli 'indipendenti', categoria in cui rientrano sia gli autonomi che i collaboratori. Il calo dell'occupazione registrato a ottobre è infatti dovuto a loro (-44mila) e ancora più forte è stata la perdita annua (-83mila). I dipendenti restano pressoché stabili su settembre ma salgono su base annua: +13mila i permanenti e +146mila i lavoratori a termine.

Inattivi
Dopo la crescita di settembre (+0,5%), la stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumenta ancora nell'ultimo mese dello 0,2% (+32 mila persone inattive). Diminuisce il numero di inattivi maschi e di età inferiore a 50 anni.
Il tasso di inattività, è pari al 36,2%, in aumento di 0,1 punti percentuali.

Su base annua l'inattività aumenta dell'1,4% (+196 mila persone inattive) e il tasso di inattività di 0,6 punti percentuali. Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo agosto-ottobre 2015 la stima dei disoccupati diminuisce di 142 mila, a fronte di una crescita degli occupati (+32 mila) e degli inattivi (+66 mila).

Giovani
Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni, cioè la quota di giovani disoccupati sul totale di quelli attivi (occupati e disoccupati), è pari al 39,8%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente. Dal calcolo del tasso di disoccupazione sono esclusi i giovani inattivi, cioè coloro che non sono occupati e non cercano lavoro, nella maggior parte dei casi perché impegnati negli studi.

L'incidenza dei giovani disoccupati tra 15 e 24 anni sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 10,3% (cioè poco più di un giovane su 10 è disoccupato). Tale incidenza aumenta a ottobre di 0,1 punti percentuali. Nell'ultimo mese il tasso di occupazione tra i 15-24enni rimane stabile, mentre il tasso di inattività cala di 0,1 punti.

Over 50
Negli ultimi tre anni si è registrata una crescita pressoché costante degli occupati di 50 anni o più: +13,9%, pari a circa +900 mila tra gennaio 2013 e ottobre 2015. Una crescita boom dell'occupazione over50, su cui pesa l'invecchiamento della popolazione ma ancora più gli interventi che hanno allungato l'età per andare in pensione.

© Riproduzione Riservata

Commenti