Economia

Banca Etruria e Popolare di Vicenza, perché Bankitalia è tornata nel mirino

L’authority guidata da Ignazio Visco è accusata di aver erroneamente caldeggiato la fusione tra l’istituto toscano e quello veneto

Banca-Etruria-agenzie

Andrea Telara

-

Neanche il tempo di festeggiare la sua recente riconferma e Ignazio Visco, governatore della Banca d’Italia, è tornato di nuovo al centro delle polemiche, seppur per vie traverse. A riportarcelo è stato Roberto Rossi, procuratore capo di Arezzo, che è stato convocato dalla commissione parlamentare d’inchiesta sui dissesti bancari degli ultimi anni. 

La ricostruzione del procuratore

Di fronte a deputati e senatori Rossi ha parlato di Banca Etruria, uno degli istituti di credito regionali finiti in dissesto alla fine del 2015 in un mare di polemiche, visto che la carica di vice-presidente della società era ricoperta da Pier Luigi Boschi, padre di Maria Elena, figura di spicco del Pd di Renzi e attuale sottosegretario alla presidenza del consiglio.  

Visco è dunque tornato suo malgrado sulla scena perché il procuratore Rossi, che sul dissesto di Banca Etruria ha indagato a lungo, ha ricostruito tutta la vicenda avvalorando la tesi del segretario del Pd, che imputa a Bankitalia la colpa di non aver fatto molto per risolvere i problemi di Banca Etruria, rischiando piuttosto di aggravarli.

Nello specifico, il magistrato ha detto che tra il 2012 e il 2014, quando già Banca Etruria era commissariata e sull’orlo del crack, la Banca d’Italia spinse per farla finire nell’orbita della Popolare di Vicenza, che nel 2014 era disposta a comprarla al prezzo di 1 euro per azione, quasi il 25% in più rispetto al valore corrente di borsa. 

Anche Vicenza sull’orlo del crack

L’istituto veneto era però un acquirente poco affidabile, pesantemente malmesso e, sin dal 2012, oggetto di ispezioni della Banca d’Italia, che rilevò una serie di fatti gravi: organi dirigenti inadeguati, crediti sofferenti in abbondanza e addirittura le cosiddette operazioni baciate, cioè la concessione di prestiti a chi aderiva a una serie di aumenti di capitale tappa-buchi, una pratica che in una banca sana è una vera e propria eresia. 

Perché l’authority guidata da Ignazio Visco, viste le  risultanze dei suoi ispettori, caldeggiava una fusione tra Banca Etruria e la Popolare di Vicenza? Dal canto suo, Bankitalia ha già da tempo replicato che non ci fu nessuna spinta verso la fusione tra l’istituto veneto e quello toscano. Non a caso, l’operazione saltò perché i vertici di Banca Etruria rifiutarono l’offerta degli aspiranti compratori vicentini, che si erano mossi in autonomia.

Chi ha ragione tra il procuratore Rossi e Bankitalia? E’ l’interrogativo che ripropostosi il 30 novembre su cui la commissione parlamentare d’inchiesta sulle banche dovrebbe fare un po’ di chiarezza, prima che finisca la legislatura.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banca Etruria e Maria Elena Boschi, spiegato bene

Le accuse di De Bortoli sulle pressioni su Unicredit per l'acquisto della banca, la difesa del sottosegretario, le parole dell'ex ad della banca Ghizzoni

Ubi Banca: i licenziamenti previsti dopo l'aquisto di Banca Etruria

Il gruppo guidato da Victor Massiah vuole fare quasi 1.600 tagli al personale dei tre istituti regionali acquisiti. Ecco perché

Banca Etruria: nessun ostacolo alla vigilanza, assolti i tre imputati

Sotto accusa c'erano l'ex presidente, l'ex direttore generale e l'ex direttore centrale, al vertice dal 2011 al 2015

Tutti i silenzi di Banca Etruria

Nella relazione finale del Csm sul procuratore Rossi spariscono i riferimenti imbarazzanti ai suoi rapporti con il governo Renzi. E con la famiglia Boschi

Banca Marche, Etruria, Carichieti e Carife: perché sono di nuovo nei guai

Il 30 settembre è scaduto il termine per la vendita. La Commissione Ue ha concesso un'ulteriore proroga ma non si trova ancora un compratore

Banca Etruria e le altre: perché le vogliono gli americani

Tre fondi statunitensi candidati a rilevare le good bank che hanno ereditato le attività sane dell'istituto aretino e di Banca Marche, CariChieti e CariFe

Banca Etruria: dai vertici l'ordine di piazzare i bond

Banca Etruria, i tre "omissis" del Csm nell’inchiesta sul procuratore di Arezzo

Per il potenziale conflitto di interessi di Roberto Rossi il plenum del Consiglio ha tenuto una posizione morbida. Su Panorama in edicola dal 6 ottobre

Banca Etruria: la Gdf perquisisce la sede centrale di Arezzo

Il fine è quello di acquisire una serie di documenti utili al procedimento per truffa e istigazione al suicidio del pensionato Luigi D'Angelo

Banca Popolare di Vicenza: anche i consorzi agrari vittime del fallimento

Nel bilancio 2015 la svalutazione per circa 11 milioni di un investimento in azioni dell'istituto. Il Governo tenta il soccorso ma per ora non ci è riuscito

Veneto Banca e Popolare di Vicenza, le cose da sapere sul salvataggio

I due istituti controllati dal fondo Atlante hanno bisogno di 6,4 miliardi di euro di capitali. E soltanto lo Stato può garantirli

Popolare Vicenza e Veneto Banca: le scelte per gli azionisti

Scade il 28 marzo il termine per la proposta di transazione da parte degli istituti veneti: le alternative per i risparmiatori

Popolare Vicenza e Veneto Banca: un warrant per gli azionisti

I vertici dei due istituti di credito studiano un ritocco alla proposta di conciliazione per evitare le cause e frenare l'emorragia dei depositi

Veneto Banca e Popolare Vicenza, cosa fare con gli indennizzi ai soci

Rimborsi fino al 15% del capitale per gli azionisti che oggi si ritrovano con il patrimonio azzerato. Ma per le associazioni dei consumatori sono briciole

Vicenza, sospeso il primario che denunciò la gara a chi usava l'ago più grosso

Il dottor Vincenzo Riboni è stato sollevato dal suo incarico. Mesi fa denunciò una sfida su whatsapp tra medici e infermieri

Cattolica Assicurazioni-Popolare di Vicenza: retroscena di uno scontro

Al centro l'accordo di bancassicurazione tra i due istituti da cui la compagnia assicuratrice oggi vorrebbe recedere

Veneto Banca e Popolare di Vicenza: 5 cose da sapere

Perché si torna a parlare di fusione tra i due istituti, entrambe controllati dal Fondo Atlante

Commenti