Start Up: otto siti per finanziarsi via web

Il crowdfunding si sta diffondendo anche in Italia. Ecco le piattaforme attive per sostenere e pubblicizzare i progetti più innovativi

Elaboraziona grafica a cura di Carlo Carino (Imagoeconomica)

Massimo Morici

-

Una via per finanziare un'idea, un nuovo prodotto o un'iniziativa di una Start Up senza passare per il canale bancario è quella di ricorrere al crowdfunding , un sistema di finanziamento dal basso tramite piattaforme web.

I progetti sostenuti fino ad oggi in Italia tramite questa forma di finanziamento, stando a una recente indagine presentata al cruwdfuture 2013, sono 52.000, di cui oltre 15.000 approvati; un numero ancora contenuto rispetto ai 470.000 progetti pubblicati in Europa nel solo 2012 (dati Massolution) che sono riusciti a raccogliere quasi 1 miliardo di euro.

Gran parte delle iniziative, però, non sono rivolte al business: piuttosto si guarda al no profit o al mondo dell'arte e della cultura. Nel profit, vengono privilegiati di solito i progetti innovativi e creativi. E quindi, spazio a settori quali achitettura, moda, design, artigianato e hi - tech. 

Ma qual è lo stato di questi servizi nel nostro paese? In Italia ad oggi si contano in tutto 41 piattaforme di crowdfunding, di cui 27 attive al 18 ottobre 2013, e 14 in fase di lancio.

La Consob, inoltre, lo scorso 10 agosto ha autorizzato la prima società adibita alla raccola di capitali di rischio da parte di start - up innovative tramite portali on - line (equity crowdfunding), la Stars Up di Livorno. Di quelle attive, ne abbiamo selezionate 8 più idonee a finanziare progetti di business.

Crowdfunding - Italia
Piattaforma generalista, è nata nell'ottobre 2012. La registrazione è gratuita e non viene imposta alcuna commissione sui fondi raccolti.

Eppela
Fondata nel 2011 da Nicola Lencioni, permette di finanziare progetti innovativi e creativi nei campi di arte, tecnologia, cinema, design, musica, fumetto, innovazione sociale, scrittura, moda e no profit.

Finanziami il tuo futuro
Rivolta ai giovani da 18 a 35 anni residenti in sei comuni pugliesi (Alberobello, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca, Noci e Putignano) e nata a inizio 2013, è una piattaforma di local crowdfunding che consente di presentare una richiesta massima di 10.000 euro per la realizzazione di progetti della durata massima di 12 mesi, contribuendo così a rivitalizzare i settori produttivi dell'economia locale.

IdeaGinger
Piattaforma nata in Emilia Romagna, permette ai creativi di dare visibilità ai loro progetti o prodotti e allo stesso tempo di creare una rete di sostenitori e collaborazioni con imprese ed enti pubblici emiliano - romagnoli.

Produzioni dal basso
Fondata nel 2005 da Angelo Rindone, lo scopo è quello di "offrire uno spazio a tutti coloro che vogliono proporre il proprio progetto attraverso il sistema delle produzioni dal basso", ossia raccogliendo fondi e finanziamenti con una sottoscrizione popolare.

Kendoo
Opera nella provincia di Bergamo dai primi mesi del 2013 ed è promossa da Media on (del gruppo Sesab che edita anche il quotidiano L'Eco di Bergamo). Sostiene, in particolare, iniziative per la tutela dell'ambiente, per il miglioramento della condizione di una comunità, o iniziative musicali o tecnologiche.

Starteed
Fondata nel 2011 da Claudio Bedino e lanciata a settembre 2012, aiuta a finanziare le proprie idee supportando tutte le fasi di sviluppo del prodotto, con la possibilità per il creatore di vendere il proprio oggetto sulla piattaforma stessa.

© Riproduzione Riservata

Commenti