Aziende

Mercato auto: ecco gli obiettivi di Fca per il 2019-2021

Verranno investiti 5 miliardi per la piena occupazione negli stabilimenti italiani. Si punterà sull’elettrico, ma senza abbandonare il diesel

Melfi_Fca

Giuseppe Cordasco

-

Fca si mette definitivamente alle spalle l’epoca Marchionne, e lo fa presentando un piano di investimenti per il futuro ambizioso che, e questo è sicuramente un elemento qualificante, punta decisamente sull’Italia.

Nel periodo che andrà dal 2019 al 2021 infatti, la casa automobilistica italo-americana investirà nel nostro Paese la bellezza di 5 miliardi di euro.

Non solo, il nuovo amministratore delegato Mike Manley, che ha preso in mano le redini del gruppo, ha fatto anche sapere che saranno lanciati sul mercato ben tredici modelli nuovi, compresi i restyling, e tre di queste novità, la 500 elettrica, il suv compatto Alfa e la Jeep Compass, arriveranno subito. Ma vediamo nel dettaglio cosa prevede il piano strategico industriale di Fca.

Piena occupazione

Mike Manley non ha nascosto che uno degli obiettivi principali del programma di sviluppo di Fca sarà la piena occupazione negli stabilimenti italiani. In questo senso sono state dunque specificate le produzioni che verranno implementate nei vari impianti presenti nel nostro Paese.

Si scopre allora che a Mirafiori sarà prodotta la 500 elettrica, che dovrebbe arrivare su strada nel primo trimestre 2020. Tra l’altro, quello torinese "sarà il primo stabilimento – ci ha tenuto a precisare Manley - in cui verrà installata la piattaforma full Bev che potrà essere utilizzata anche per altri modelli a livello mondiale".

Tra l’altro, per i prossimi mesi è programmato un piano di formazione del personale incentrato proprio sulle tecnologie ibride ed elettriche.

Modelli e stabilimenti

Per quanto concerne gli altri stabilimenti, a Pomigliano innanzitutto resterà la Panda, di cui è previsto un restyling ed entro il 2019 una versione ibrida, ma soprattutto sarà avviata la produzione del già citato suv compatto dell'Alfa Romeo.

A Melfi invece ci saranno le versioni ibrida ed elettrica della Jeep Renegade entro il 2019 e arriverà la Jeep Compass che attualmente si produce in Messico e della quale verrà fatta anche la versione elettrica.

A Cassino sarà lanciato lanciato il suv Maserati Uv, che prevede anch’esso una versione elettrica. Buone notizie infine anche per la Sevel di Atessa, dove aumenterà la capacità produttiva del Ducato e sono previste assunzioni: potrebbero infatti essere stabilizzati i 250 lavoratori che attualmente lavorano in regime di somministrazione.

Diesel ancora in produzione

L’accelerazione impressa alla produzione di modelli elettrici e ibridi rappresenta certamente una svolta epocale per Fca. Soprattutto se si considera che il compianto Sergio Marchionne aveva da sempre manifestato con forza le proprie resistenze a questo cambio di registro sul fronte delle alimentazioni dei motori.

Mike Manley decide invece di prendere atto di un trend di mercato che appare ormai inarrestabile, e che vede tutti i grandi marchi mondiali puntare sempre più decisamente su modelli di vetture ecosostenibili.

Spazio all’elettrico allora, ma con gradualità. Fca infatti ha deciso che, almeno per il  momento, verrà rinviata l'uscita dal diesel, con gli stabilimenti di Pratola Serra e quello della Vm di Cento, che dunque continueranno a produrre motori alimentati a gasolio.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Se Fca diventasse uno spezzatino ecco a chi interesserebbero i suoi bocconi

In futuro, gli Agnelli potrebbero vendere il gruppo a pezzi: farebbe gola ai francesi, ai tedeschi, ai coreani e ai cinesi...

Fca dopo Marchionne, perché gli Agnelli potrebbero uscire

Dopo la scomparsa del manager, si parla di un possibile disimpegno della nota dinastia industriale torinese. Ma non nel breve termine

Marchionne e il segreto della sua malattia: una storia antica in Fiat

Ancora ci si chiede perché il manager nascose il suo stato di salute a John Elkann. Forse voleva essere lui a preparare la successione nel pieno delle sue funzioni. D'altronde, al di là delle apparenze, in Fiat sono sempre stati controversi i rapporti tra i dirigenti e la proprietà

Marchionne: "In ferie da cosa?" | video

La malattia di Marchionne, tutto quello che c'è da sapere

Mistero sulle settimane precedenti alla scomparsa dell’ex n.1 di Fiat Chrysler. Gli obblighi di un’azienda quotata se un top manager sta male

Sergio Marchionne: la fotostoria (2004-2018)

Il manager italo-canadese si è spento il 25 luglio 2018. La sua storia per immagini dall'arrivo ai vertici del Gruppo Fiat nel giugno 2004

Addio a Sergio Marchionne: il cordoglio di istituzioni e social

Alla Camera è stato osservato un minuto di silenzio, mentre il mondo dello sport, della politica e dell'imprenditoria piangono la sua scomparsa

Commenti