ICE e notai alleati per le imprese in Italia

Pronto un accordo per sostenere le aziende estere che vogliono investire nel nostro Paese e quelle italiane che puntano all'estero

internazionalizzazione

– Credits: iStock

Redazione Economia

-

La firma di un accordo con il Consiglio Nazionale del Notariato e una guida per gli investimenti esteri in Italia. Sono le due novità che il Mise (Ministero dello Sviluppo economico) attraverso l'Ice (l'Agenzia per la promozione all'estero e l'internazionalizzazione delle imprese italiane) ha preparato per la comunità di imprenditori stranieri interessati al mercato italiano e per quelli italiani interessati ai mercati internazionali.

L'accordo con il notariato

Il primo importante tassello nel supporto all'attività imprenditoriale in Italia e italiana all'estero, è l'accordo-quadro tra ICE e Consiglio Nazionale del Notariato per un "rapporto di mutua collaborazione" volto a "sostenere e orientare le imprese italiane nei mercati internazionali e le imprese estere interessate a investire in Italia" attraverso attività di formazione, informazione e consulenza anche nella forma di "strumenti, prodotti e servizi reali alle imprese".

In pratica, l'Ice metterà a disposizone degli investitori tale supporto su tematiche nelle quali il Notaio come figura e il Notariato come Ente sono chiamate in causa. Il CNN risponderà con un punto di contatto e un referente unici sul territorio.

Inoltre ICE e CNN hanno deciso di collaborare anche in altre iniziative volte a rafforzare l'internazionalizzazione come convegni ed eventi in Italia e all'estero

La guida per gli investimenti

"Doing business in Italy - Investment Guide 2015" è il testo che raccoglie indicazioni, modalità e suggerimenti per fare business nel nostro Paese. Frutto del lavoro coordinato tra diversi Ministeri (Affari Esteri e Cooperazione internazionale, Economia e Finanze, Sviluppo Economico, Lavoro e Politiche Sociali, Istruzione, Università e Ricerca), si presenta come un vademecum molto dettagliato su come avviare un'attività in Italia, come assumere e gestire uno staff di dipendenti con i dettagli sui meccanismi contrattuali contenuti nel Jobs Act, cosa aspettarsi in termini di obblighi sul fronte fiscale (Ires, Irap, Iva, imposte sugli immobili, Irpef), presenza e natura degli incentivi fiscali sia per le attività di ricerca e sviluppo che per la crescita economica e gli investimenti.


© Riproduzione Riservata

Commenti