Aziende

Ecco chi sono i più ricchi del mondo

Jeff Bezos di Amazon supera Bill Gates, patron di Microsoft, nella classifica 2018 dei super paperoni stilata da Forbes

Jeff Bezos_Amazon

Giuseppe Cordasco

-

Non ci sono grosse sorprese nella classifica, stilata periodicamente dalla rivista Forbes, riguardante i personaggi più ricchi del mondo. L’unica novità del 2018 è il cambio al vertice, una sorta di passaggio di testimone tra Jeff Bezos, patron di Amazon, che conquista la prima posizione, e Bill Gates, fondatore di Microsoft che a questo giro deve accontentarsi, per modo di dire, della seconda piazza.

Sono loro a guidare un gruppo di circa 2.200 super paperoni, sparsi un po’ in tutto il mondo, che mette insieme uno stratosferico patrimonio, valutato complessivamente circa 9.100 miliardi di dollari, ossia in media circa 4,1 miliardi a testa. Ma vediamo nel dettaglio a quanto ammonta la ricchezza dei più noti, e quali sono le curiosità di questa “lussuosa” classifica.

Bezos vs Gates

Come già accennato, Jeff Bezos, patron di Amazon, si issa in testa a questa graduatoria di ricconi del 2018, forte dei suoi 112 miliardi di dollari. A Bill Gates, fondatore di Microsoft, resta invece il secondo posto con soli, si fa per dire, 90 miliardi. Sale poi sul podio in terza posizione anche il guru della finanza Warren Buffett con un patrimonio personale stimato in circa 84 miliardi di dollari.

Italiani e altri

Nella classifica 2018 di Forbes Bernard Arnault è quarto invece, con una fortuna di 72 miliardi di dollari, affermandosi come il più ricco d'Europa per la prima volta dal 2012.

Fra gli italiani invece 'Mr Nutella' Giovanni Ferrero è il paperone del Belpaese, con 23 miliardi di dollari che lo fanno piazzare alla 37ma posizione della classifica generale. Leonardo Del Vecchio, patron di Luxottica è al 45mo posto, mentre Silvio Berlusconi al 190mo con 8 miliardi di dollari.

Forbes stima anche la 'vera' ricchezza del presidente americano Donald Trump in 3,1 miliardi di dollari. L’inquilino della Casa Bianca è così “relegato” al 766mo posto della classifica dei paperoni del mondo, alla pari con Jack Dorsey, il cofondatore e amministratore delegato di Twitter, la piattaforma preferita proprio dal presidente americano.

Curiosità

Da notare che nella classifica 2018 dei super ricchi di Forbes, fanno il loro ingresso i primi criptomiliardari, coloro cioè che hanno accumulato fortune con il Bitcoin e le altre criptovalute.

Per il terzo anno consecutivo poi le due più giovani miliardarie sono le ereditiere norvegesi Alexandra e Katharina, di 21 e 22 anni. La donna più ricca al mondo è invece Alice Walton, l'unica figlia del fondatore di Walmart Sam Walton.

Geografia della ricchezza

Non ci sono grandi novità neanche sul fronte della “residenza” dei super paperoni del 2018. Secondo i dati forniti da Forbes infatti, il maggior numero di loro continua ad essere concentrato negli Stati Uniti, dove ne ritroviamo ben 585, ossia poco più di un quarto del totale.

In Cina, seconda in classifica, ce ne sono 373. Una delle novità del 2018 è invece l'ingresso dei primi miliardari dell'Ungheria e dello Zimbabwe.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Francia: ecco come la Nutella si è trasformata in problema di ordine pubblico

E' dovuto intervenire il Governo per dire basta alle vendite al ribasso della crema e al conseguente caos nei supermercati

Ferrero compra le barrette Nestlé: cosa cambia nel mercato del cioccolato

Grazie all'operazione da 2,8 miliardi di dollari, il gruppo di Alba diventa il terzo maggiore produttore di dolciumi negli Usa e tra i più grandi al mondo

Tutti i segreti della Ferrero, l'azienda dove si lavora meglio in Italia

Viaggio nella multinazionale piemontese, risultata la prima nella ricerca della società indipendente Statista sulle imprese preferite dai dipendenti

Del Vecchio: una vita imprenditoriale di successo che si chiude in bellezza

Dai tempi in cui era garzone d’azienda alla fondazione di Luxottica, fino alla maxi-fusione con Essilor

Il Made in Italy alimentare è in salute (e non teme Amazon)

Gli italiani e il cibo? Un rapporto d'amore, anche online. Parla il CEO di Cortilia, il servizio Web per l'acquisto di prodotti agroalimentari

Se Amazon, Facebook e Google diventano banche

I grandi big dell’era di internet si attrezzano per vendere prodotti finanziari, aprendo le porte a una nuova rivoluzione

Il braccialetto di Amazon e il Jobs Act, perché è una polemica assurda

Da giorni la politica discute del dispositivo creato dall’azienda americana. Ma è solo un brevetto e ha poco a che fare con la riforma del lavoro

Commenti